La Curva nord si sposta a Ponte Milvio: stadi chiusi, il tifo laziale sarà in piazza

La Lazio inizierà il Campionato con una giornata di ritardo, ma i tifosi biancocelesti non rinunciano a salutare l’inizio della stagione nella tradizionale cornice di Ponte Milvio. L’Atalanta, prima avversaria secondo il calendario 2020/21, ha ottenuto il rinvio della gara inaugurale per avere partecipato alle Final Eight di Champions League, così i biancocelesti esordiranno all’Olimpico con l’amichevole contro il Benevento.

Gli Ultras Lazio a Ponte Milvio

Fischio d’inizio fissato alle ore 18: gli Ultras Lazio, eredi degli ex Irriducibili, hanno convocato i tifosi alle 15 nel piazzale di Ponte Milvio. Così sabato il ‘salotto’ di Roma nord si tingerà di biancoceleste tornando in qualche modo all’atmosfera pre Covid. 

“Una nuova stagione ci aspetta e la vogliamo vivere da protagonisti, non sugli spalti, perchè non ci piegheremo certo a misure restrittive, mascherine e distanziamenti sociali. Siamo ultras e non snatureremo il nostro modo di essere e di ragionare, ma a Ponte Milvio, zona nostra, sì. Sempre” – scrivono gli Ultras Lazio in un volantino. 

Il tifo della Curva Nord si trasferisce dunque all’ombra della Torretta Valadier. E non solo perchè le partite sono ancora tutte a porte chiuse: “Fino a quando ci saranno i protocolli Covid – annunciano gli ultras – non entreremo ma faremo sempre sentire la nostra presenza”. A Ponte Milvio, a cominciare da sabato 19 settembre. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Per gli Irriducibili della batteria di Diabolik 44 Daspo

Una tifoseria quella degli Ultras Lazio nei giorni scorsi duramente colpita da provvedimenti restrittivi: 44 i “Daspo fuori contesto”, misura di prevenzione adottata dal Questore di Roma Carmine Esposito, notificati ad alcuni Irriducibili destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nel mese di novembre 2019 a seguito delle indagini della Polizia di Stato relative all’operazione “Grande Raccordo Criminale”. 

Fonte : Roma Today