Calciomercato, le ultime notizie su trattative, acquisti e cessioni: Roma, ufficiale Kumbulla

Calciomercato 2020/2021: la stagione deve ancora volgere al termine dopo la pausa dovuta all’emergenza coronavirus, ma le trattative di calciomercato non si fermano mai. La prossima sessione, come deciso dal Consiglio della Federcalcio, avrà inizio il primo settembre e si concluderà il 5 ottobre, ma i club sono già al lavoro per rinforzare i rispettivi organici in vista della stagione 2020/2021. Ecco la diretta con le ultime notizie sulle trattative di calciomercato e gli affari già conclusi.

Calciomercato, le notizie di venerdì 18 settembre 2020

Ecco tutte le notizie di venerdì 18 settembre 2020:

Pochettino e le panchine (non) offerte

Il tecnico argentino Mauricio Pochettino ha assicurato che nessuno gli ha offerto di allenare l’FC Barcelona in questa stagione, nonostante l’incontro che ha avuto con Ramon Planes, segretario tecnico blaugrana, e ha spiegato che non si sente “né in ansia, né oppresso” nel continuare senza lavoro per quasi un anno dopo la sua partenza dal Tottenham. “Non mi sono visto con Bartomeu”, ha detto Pochettino a ‘El Partidazo de Cope’. “Ho mangiato con Ramon Planes perché abbiamo un’amicizia da molti anni, dal 2009 quando ha firmato per l’Espanyol come segretario tecnico. Abbiamo lavorato per quattro anni insieme e poi al Tottenham ha lavorato anche con noi”, ha detto. “Abbiamo un grande rapporto di amicizia e con lui è diverso, ma non mi hanno offerto di allenare il Barcellona”, ha aggiunto. Inoltre, Pochettino ha rivelato che il Paris Saint-Germain non ha bussato alla sua porta quest’estate per sostituire Thomas Tuchel. “Né Psg, né Juventus, né Inter. Ho ricevuto una chiamata da Benfica e Monaco. Non ho bisogno di mentire”, ha aggiunto l’ex tecnico degli Spurs. “Non sono sopraffatto, né sono ansioso di non allenare, forse se il virus non fosse esistito sarei stato ansioso di tornare nel calcio, ma tutto quello che è successo mi ha rilassato ed è servito da crescita personale, familiare e soprattutto a livello professionale per svilupparmi in altre cose”, ha aggiunto l’argentino. Pochettino ha poi modificato le sue dichiarazioni del 2018 sul Barcellona. “Prima di allenare il Barça, andrei nella mia fattoria in Argentina”, disse. Un anno dopo ha modificato le sue parole. “Non direi di no perché non sai mai cosa succederà”.

Fiorentina, Commisso: “Chiesa ha detto di no all’estero”

Chiesa che cosa succederà? Non lo so. Nei prossimi giorni parlerò con il ragazzo. A suo tempo ho promesso al babbo di Chiesa che lo avrei lasciato libero davanti a un’offerta giusta. Federico ha preferito non prendere in considerazione alcune richieste che erano arrivate dall’estero. Lo capisco, questo è l’anno dell’Europeo e lui vuole fare bene in Italia per convincere il ct Mancini. Però deve ricordare che è la Fiorentina che l’ha portato dove è adesso e che deve fare le cose giuste. Chi vuole comprare ribadisce che la valutazione dei calciatori è scesa, ma io dico che non è scesa quella dei grandi giocatori. Vedremo”. Sono le parole del presidente della Fiorentina, Rocco Commisso in una intervista alla Gazzetta dello Sport dove fa il punto sul mercato viola. Il proprietario dei gigliati parla poi anche di Milenkovic. “Il Milan vuole? Non ho mai parlato con lui dell’ipotesi che lasci la Fiorentina, lo voglio tenere perché è un buon ragazzo e un ottimo difensore. Il Milan ha una proprietà diversa, ma è una proprietà forte. Ha fatto dei cambi societari importanti. Penso che il Milan voglia tornare ai vertici”. Poi parlando della squadra che è stata costruita, Commisso spiega: “Iachini mi piace. Ha la possibilità finalmente di lottare per un traguardo per il quale non ha mai combattuto. Il suo finale di campionato apre ad orizzonti importanti. Amrabat è fortissimo, peccato che non ci sarà contro il Torino. Ma a centrocampo abbiamo Castrovilli, Bonaventura, Borja Valero, Duncan, Pulgar. Da ex centrocampista so che questo reparto è il cuore della squadra. La Fiorentina ha bel cuore”.

Roma, per i bookie torna in auge Belotti

Era un pallino di Monchi. Ma ora con la probabile partenza di Edin Dzeko potrebbe tornare in auge. Andrea Belotti rappresenta uno dei nomi in cima alla lista della spesa della Roma. Ne sono sicuri i betting analyst di Sisal Matchpoint che hanno aperto una scommessa sul trasferimento del “Gallo” nella Capitale, sponda giallorossa. Un approdo dell’attaccante del Torino alla corte di Paulo Fonseca è offerto a 6,00, una valutazione che fa sperare i tifosi giallorossi che aspettano un colpo prima dell’inizio del campionato.

Reggina, Reginaldo va al Catania

Si sapeva fin dall’inizio. Il mercato estivo della Reggina, da attuare nella miglior maniera possibile per proiettare la squadra in Serie B, richiedeva dei sacrifici tecnici ma soprattutto per doveri di liste. La regola di avere in rosa un massimo di 18 over ha tagliato fuori diversi calciatori ed evidentemente con l’arrivo di nuove pedine più inclini al campionato cadetto, sempre più giocatori hanno dovuto dire addio all’amaranto. Finora, la cessione più dolorosa rispondeva al nome di Corazza. Adesso è arrivata l’ufficialità di Reginaldo al Catania e quantificare quale sia maggiormente complessa da digerire appare una missione impossibile. (Qui l’articolo completo)

Juventus, Higuain risolve il contratto

Gonzalo Higuain ha ufficialmente risolto il suo contratto con la Juventus. Lo ha annunciato il club bianconero. “Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver risolto consensualmente il contratto di prestazione sportiva con il calciatore Gonzalo Gerardo Higuain. Tale operazione genera un effetto economico negativo sull’esercizio 2019/2020, pari a euro 18,3 milioni, per effetto della svalutazione del valore residuo del calciatore”.

Torino, ufficiale Murru

“Il Torino Football Club è lieto di comunicare di aver acquisito dall’Unione Calcio Sampdoria – a titolo temporaneo con opzione per il trasferimento definitivo – il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Nicola Murru“, così il Torino, con una nota ufficiale sul proprio sito, annuncia l’arrivo a titolo temporaneo del difensore della Sampdoria Nicola Murru. “Contento di essere in questa società, che ha un grande prestigio. Conosco già i compagni, il mister e sono carico per questa nuova avventura”, queste le prime parole del nuovo giocatore granata.

Suarez supera l’esame di italiano

L’attaccante del Barcellona Luis Suarez ha superato l’esame d’italiano a Perugia, necessario per completare l’iter per ottenere il passaporto italiano.

Roma, ufficiale Kumbulla

La Roma ufficializza l’arrivo del difensore del Verona Marash Kumbulla, con un comunicato sul proprio sito. Il difensore arriva nella capitale a titolo temporaneo con obbligo di riscatto: “L’AS Roma rende noto di aver sottoscritto con l’Hellas Verona gli accordi per l’acquisto a titolo temporaneo, fino al 30 giugno 2022, dei diritti alle prestazioni sportive del calciatore Marash Kumbulla”. Nella stessa nota, il club giallorosso comunica anche “la cessione, a titolo temporaneo, fino al 30 giugno 2022, dei calciatori Yildirim Mert Çetin, Matteo Cancellieri e Aboudramane Diaby”. “Il saldo netto complessivo di tali operazioni di prestito è negativo per l’AS Roma per 2 milioni di euro. Inoltre, tutti gli accordi sottoscritti prevedono l’obbligo di acquisizione a titolo definitivo dei rispettivi calciatori, condizionati al verificarsi di determinate situazioni sportive -continua la nota sul sito -. L’impatto negativo per l’AS Roma, laddove si verificheranno tutte le condizioni previste, è pari a 13,5 milioni di euro. L’accordo relativo all’acquisto del calciatore Kumbulla prevede altresì un corrispettivo variabile, in favore dell’Hellas Verona, condizionato al raggiungimento di determinati obiettivi sportivi, stimato per circa 3,5 milioni di euro”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Borja Valero: “Felice di essere tornato alla Fiorentina”

“Sono felice, grazie di come mi avete accolto, oggi parliamo solo di cose belle. L’addio fu molto triste per me, per come si fecero le cose. Ringrazio l’Inter, qui non mi volevano più e mi portarono in una squadra importante, ho fatto tre anni felici a Milano”, così Borja Valero si ripresenta ai suoi vecchi tifosi della Fiorentina in conferenza stampa. “Per venire qui si è parlato di tante cose. Ancora mi sento di dare tanto in campo, mi allenerò come un bambino per giocarle tutte, poi sarà un problema del mister e accetterò tutte le sue scelte. Oggi me la sento ancora di giocare”, continua il centrocampista spagnolo. “Quando arrivai la prima volta ci fu una rivoluzione, approfittammo di un momento in cui le milanesi non erano al massimo, peccato che il quarto posto non valeva la Champions… Speriamo di replicare quelle situazioni, sarebbe un miglioramento per tutti i giocatori”. La Viola, assieme a Borja Valero, ritrova anche un altro tifoso speciale, il figlio del centrocampista, Alvaro: “Me lo terrei per me… Quando gliel’ho detto è salito in camera e si è messo la maglia viola addosso e saltava da tutte le parti. Ha qui tutti i suoi amici, per lui è stata una grande emozione”. Sull’Inter: “Siamo stati vicini a vincere qualcosa che alla fine non si è potuto vincere. Mi è sempre mancato in carriera un trofeo, sarebbe stato la ciliegina sulla torta. Per la Fiorentina voglio essere un compagno in più. Voglio guadagnarmi il rispetto della gente per quello che ho fatto quest’anno, non per quello che ho fatto in passato. Sono convinto al 100% di poter essere utile alla Fiorentina in campo”.

Fonte : Today