Conte in visita a Torre Angela: blitz a sorpresa del premier alla scuola di via Poseidone

“Quando sono stata contattata questa mattina dallo staff del premier ho creduto si trattasse di uno scherzo, riceverlo nella nostra scuola è stata un’emozione immensa”. A parlare a Roma Today è Annalisa Laudando, la dirigente scolastica dell’I.C. via Poseidone che questa mattina, nel plesso “Mario Pagano” ha ricevuto la visita di Giuseppe Conte.

Una visita a sorpresa quella del premier che nella periferia romana ha voluto dare un segnale di vicinanza al mondo della scuola a pochi giorni dalla ripresa del nuovo anno con le importanti novità legate all’emergenza Covid-19 in relazione soprattutto alla distanza fisica. Alla scuola di via Poseidone, infatti, sono stati già consegnati 460 banchi con le sedute innovative e altri dovranno arrivare. “Ne ho chiesti mille – ha specificato la preside che ha commentato – Al premier abbiamo potuto mostrare i nostri sforzi per riaprire la scuola il 14 settembre”. Già perché quella di via Poseidone è una delle scuole virtuose di Roma che ha potuto garantire l’ingresso a tutti (grandi e piccoli) fin dal primo giorno grazie all’organizzazione interna avviata mesi fa e ai lavori svolti dal municipio 6 che hanno comportato la divisione di alcuni spazi grandi per ottenere nuove aule.

Tanta l’emozione vissuta dalla preside, dai docenti e soprattutto dai ragazzi che poco dopo aver preso posto ai loro banchi, si sono ritrovati il presidente del consiglio dei ministri a fare capolino nelle loro aule. “Qualcuno dei bambini ha anche esclamato ‘Ma io lo conosco. L’ho visto in tv’ quando lo ha visto” ha raccontato ancora la preside che ha mostrato al premier la scuola spiegando ai nostri taccuini: “Questa visita è stata un’emozione immensa che ha regalato una speranza all’intera comunità educante perché la scuola deve essere una priorità di tutti noi”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

“I radar del governo sulla scuola non si spengono dopo il primo giorno” ha detto il premier a margine della scuola di Torre Angela “dove cìè un’alta percentuale di studenti extracomunitari, e un’altissima percentuale di studenti disabili. Tuttavia anche qui l’anno scolastico è ripartito in modo ordinato e gli studenti rispettano diligentemente le regole” ha commentato a margine della visita nella periferia est di Roma.

Fonte : Roma Today