Covid-19: circa un paziente su 10 torna al pronto soccorso entro 7 giorni. Lo studio

Secondo un nuovo studio condotto da un team di ricercatori dell’Università della Pennsylvania, in base ai dati relativi ai mesi di marzo, aprile e maggio 2020, nella regione di Philadelphia il 4,7% dei pazienti, poi risultati positivi al coronavirus, è tornato in ospedale ed è stato ricoverato entro soli tre giorni dalla visita di emergenza

Nei primi tre mesi della pandemia di Covid-19 nella regione di Philadelphia, circa un paziente su dieci tra quelli che si sono recati al pronto soccorso per Covid-19 è tornato in ospedale entro una settimana dopo essere stato dimesso dalla visita di emergenza. È quanto emerso da un nuovo studio condotto da un team di ricercatori dell’Università della Pennsylvania, in base ai dati relativi ai mesi di marzo, aprile e maggio 2020.  

I risultati dell’analisi, descritti nel dettaglio sulle pagine della rivista specializzata Academic Emergency Medicine, indicano che tra i sintomi più evidenti che hanno provocato questi ritorni in ospedale c’erano fattori come i livelli più bassi di pulsossimetria e la febbre. 

Lo studio nel dettaglio 

Analizzando le cartelle cliniche di 1.419 individui risultati positivi al coronavirus nei primi giorni dopo essere stati dimessi dal pronto soccorso tra il primo marzo e il 28 maggio 2020, gli esperti hanno dimostrato che  il 4,7% dei pazienti è tornato in ospedale ed è stato ricoverato entro soli tre giorni dalla visita di emergenza. La percentuale dei soggetti ricoverati entro una settimana dalla visita iniziale al pronto soccorso è, invece, del 3,9%. Nel complesso l’8,6% dei pazienti è tornato in ospedale entro una settimana dopo essere stato dimesso. 

Dallo studio è emerso che anche l’età dei pazienti sembra giocare un ruolo significativo nel possibile ritorno al pronto soccorso. Nei primi tre mesi della pandemia di Covid-19, infatti, i pazienti con età superiore ai 60 anni hanno avuto una probabilità cinque volte maggiore di aver bisogno del ricovero in ospedale dopo essere stati dimessi dalla loro visita iniziale al pronto soccorso, rispetto ai soggetti di età compresa tra i 18 e i 39 anni.

Il rischio è risultato essere tre volte maggiore per i pazienti di età compresa tra i 40 e i 59 anni.  

Fonte : Sky Tg24