Italiani popolo di futuri cyborg. Pronti a integrare l’hi-tech con il corpo

Italiani pronti a farsi impiantare nel proprio corpo sistemi hi-tech per potenziare le capacità fisiche, migliorare il proprio aspetto fisico, “cancellare” difetti come problemi di vista e per interagire in maniera più profonda con l’ambiente che li circonda. Questo dato emerge da una ricerca commissionata dalla società di sicurezza informatica, Kaspersky e condotta su 14500 utenti in 16 paesi dell’Europa e del Nord Africa, Italia naturalmente compresa. C’è un entusiasmo diffuso – spiega la ricerca  – per la “human augmentation”, ovvero il processo che consente di potenziare e migliorare il corpo umano sfruttando la tecnologia. Il 92% delle persone intervistate cambierebbe un aspetto del proprio fisico se potesse, mentre quasi due terzi (63%) prenderebbe in considerazione la possibilità di potenziare il proprio corpo con la tecnologia per migliorarlo in modo permanente o temporaneo. Gli italiani appaiono come quelli più propensi a considerare possibile e utilizzabile la human augmentation (81%), mentre gli inglesi sono i meno convinti, con solo il 33% di intervistati che si è dimostrato interessato al potenziamento del proprio corpo. Alcune delle persone intervistate ha addirittura espresso il desiderio di collegare lo smartphone al proprio corpo.

Fonte : Repubblica