Coronavirus Roma, effettuati 10mila test sul personale delle scuole

Su oltre 10 mila tamponi nel Lazio si registrano 125 casi di questi 61 sono a Roma e zero decessi. Sono questi i dati del Coronavirus nella nostra regione dove si conferma una prevalenza dei casi di rientro (circa 48%) e i casi con link dalla Sardegna (circa 40%).

“Siamo stati la prima regione italiana per numero di tamponi effettuati, c’è la rete dei test sierologici che continua a lavorare, dopo la validazione dell’istituto Spallanzani, il laboratorio di riferimento a livello nazionale, abbiamo cominciato ad usare i test rapidi antigenici, avremo la disponibilità, con la nostra adesione alla gara bandita dalla Regione Veneto, di un milione di test. Complessivamente, a oggi, siamo arrivati a 584 mila tamponi e 260 mila test sierologici”, ha spiegato in audizione in commissione regionale l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato.

“Il nostro coefficiente Rt – ha aggiunto – si è attestato nell’ultima rilevazione allo 0,43, molto sotto la media nazionale, questo perché abbiamo un numero consistente di asintomatici e una buona attività di tracciamento. La maggior parte dei casi di queste settimane sono di importazione – ha detto ancora – abbiamo avuto una prima fase di contagi di ritorno dal Bangladesh, in queste seconda fase sono soprattutto persone che rientrano dalle vacanze, in particolare dalla Sardegna. Nelle prossime settimane siamo in grado di triplicare il numero di test effettuati”.

D’Amato: “Già 10mila test sul personale”

“Per quanto riguarda il tema delle scuole abbiamo un accordo con l’Ufficio scolastico regionale per i test da eseguire sul personale: a oggi abbiamo 40 mila prenotazioni, su 120 mila persone interessate, 10 mila test di sieroprevalenza sono stati già svolti dal 20 di agosto a oggi. Il tasso di positività, secondo i primi dati, ricalca quello emerso dall’indagine nazionale condotta dall’Istat, intorno all’1,2 per cento”. Così nel corso dell’audizione in commissione regionale l’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato.

“Sono state costituite delle equipe anticovid per le scuole – aggiunge – che saranno il cuore della nostra azione di monitoraggio: entro il 4 di settembre le Asl devono indicare i coordinatori di queste unità”.

20 nuovi casi per cluser in struttura sanitaria

Sono venti i nuovi casi nella struttura San Giovanni di Dio – Fatebenefratelli a Genzano che ospita pazienti adulti con disagio mentale e dove è in corso l’indagine epidemiologica. Martedì è andata in scena anche l’esecuzione di nuovi tamponi a tutti gli ospiti e gli operatori della struttura.

Aperto a Fiumicino il più grande drive-in d’Italia

Realizzato a tempo di record da Aeroporti di Roma, riconvertendo in 72 ore una porzione di circa 7000 metri quadri del parcheggio Lunga Sosta gestito da easy Parking, brand ufficiale di Adr a cui è stata affidata la conduzione dei parcheggi dei due aeroporti romani, è entrato in funzione oggi alle 15 a Fiumicino il più grande drive-in, non solo della Regione Lazio ma dell’Italia intera, per eseguire i tamponi rapidi antigenici Covid-19.

La struttura, così come il presidio sanitario attivo dallo scorso 16 agosto presso il Terminal 3 Arrivi del Leonardo da Vinci e allestito nell’arco di sole 24 ore in collaborazione tra Regione Lazio, Usmaf, Istituto Spallanzani, Croce Rossa Italiana e Adr, è gestita dalle Autorità Sanitarie della Regione Lazio ed è presidiata da personale medico e paramedico della Croce Rossa Italiana. Sei sono i check-point sanitari per il prelievo dei campioni e fino a 130 il numero delle autovetture che è in grado di accogliere.

Dotato di servizi igienici e di un servizio di ristorazione, il drive-in resterà aperto sette giorni su sette con ampia copertura oraria. La nuova area dedicata ai test rapidi, accessibile a chiunque, è facilmente raggiungibile dall’autostrada Roma-Fiumicino grazie anche ad una segnaletica stradale dedicata. Inoltre, Aeroporti di Roma informa i propri passeggeri, in arrivo o partenza dallo scalo di Fiumicino che intendano usufruire del servizio, che è a disposizione un servizio di navetta da e per l’aerostazione: il collegamento sarà potenziato nelle ore serali per agevolare l’uso del drive-in anche ai passeggeri in arrivo dai Paesi attualmente sottoposti al controllo (Spagna, Grecia, Croazia e Malta ndr) che non dovessero riuscire ad effettuare i test nella struttura operante presso il Terminal 3 Arrivi.

“Lazio rafforza equipe anti-Covid”

“L’ordinanza dal Presidente Zingaretti, consente alle Asl di procedere velocemente nell’acquisizione di medici, infermieri e assistenti sanitari necessari a garantire la sicurezza nelle scuole. Questi professionisti saranno coordinati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Asl e saranno un argine fondamentale”. Così l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, dopo la firma ieri dell’ordinanza che reintroduce sostanzialmente la figura del medico scolastico.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

“Accanto a questo – aggiunge – abbiamo aderito alla gara promossa dall’Azienda zero del Veneto, che ringrazio della sinergia, per acquisire un milione di tamponi rapidi che saranno utili anche a circoscrivere eventuali focolai, il tutto mentre procedono i test sierologici con oltre 35 mila prenotazioni e 9 mila i test già eseguiti a docenti e operatori scolastici. Ricordo che la prenotazione va fatta presso gli istituti scolastici non alle Asl oppure ai medici di medicina generale secondo le modalità concordate con l’Ufficio scolastico regionale”.

Fonte : Roma Today