Flavio Briatore positivo al Covid ma il sentiment è negativo

AGI – Flavio Briatore è risultato positivo al coronavirus e il Billionaire è stato un focolaio di diffusione della malattia. Gli utenti sui social sono attivissimi, con opinioni contrastanti inerenti molti argomenti e chiamando in causa persino lo sbarco dei migranti. Briatore si è presentato all’ospedale San Raffaele di Milano per curare una patologia recidivante (prostatite), ed è stato sottoposto al tampone rinofaringeo per il rilevamento Covid, che ha dato esito positivo.

Il patron del Billionaire ha seguito le indicazioni del protocollo standard che prevede il ricovero in isolamento e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale necessari in questi casi. Oltre a Briatore una sessantina di dipendenti dello staff della discoteca sono risultati positivi al virus, e circa 3 mila clienti saranno chiamati per essere sottoposti a tampone.

Le reazioni social

Sui social scoppia la bagarre con 60 mila conversazioni e 117 mila condivisioni in appena due giorni; audience divisa tra chi colpevolizza l’imprenditore piemontese a causa di atteggiamenti troppo disinvolti e poco prudenti, e chi invece non infierisce confidando nella sua rapida guarigione. C’è persino chi invoca la “giustizia divina”, attirando però moltissime critiche sulle piattaforme social da parte dell’audience.

In molti ripercorrono le vicende degli ultimi giorni, e riprendono la recente polemica con Roberto Ragnedda, sindaco di  Arzachena e l’ordinanza che vieta dopo le 24 “qualsiasi forma di diffusione della musica dal vivo e/o riprodotta all’esterno”, per evitare assembramenti. In generale sono moltissime le conversazioni che si caratterizzano con emozioni negative e forte ostilità nei confronti di quello che è considerato uno dei principali ritrovi per la “movida” della Costa Smeralda, e del suo patron.

Si parte dall’ironia sulla #prostatite, fino ad arrivare alla sovrapposizione di argomenti molto differenti tra loro, come lo sbarco dei migranti ipotetici portatori di virus. L’analisi dell’audience sui social mostra elementi contrastanti, confermando posizioni contrapposte, spesso con toni molto accesi e severi.

Tra le frasi più utilizzate dagli utenti in rete, infatti, troviamo “Forza Flavio”, “in bocca al lupo” e “buona guarigione”. Tuttavia approfondendo l’analisi delle emozioni ricavabili all’interno dei post rileviamo anche gioia per quanto accaduto al 21%, e 46% di disappunto. C’è chi chiama in causa il Karma e chi ironizza sulle dichiarazioni del dottor Zangrillo sul virus; chi invece non vuole associare l’immagine della Sardegna al Billionaire.

Il contagio di Flavio Briatore innesca diverse prese di posizione tra sensibilità di tutti i tipi: astio generalizzato – c’è chi ripropone persino la frase dell’ex Ministro Diliberto: “Al Billionaire pieno di tritolo” – ma anche una rivincita sul vasto fronte dei cosiddetti negazionisti e complottisti al quale, evidentemente, in molti collocano l’imprenditore piemontese. Il disappunto caratterizza anche le conversazioni sugli sbarchi dei migranti, al punto che contestualmente una delle frasi più presenti è “hotspot pieni”.

Le forze politiche ovviamente non si sono sottratte alla discussione: attivissima la Lega col 55% dei commenti, cogliendo l’occasione per attaccare Governo, giornalisti e intellettuali, colpevoli, secondo l’account ufficiale del partito, di fare discriminazioni tra i contagiati, a seconda della provenienza politica. Anche il tema degli sbarchi è rilanciato dall’account di Matteo Salvini per provocare discussione e ottenere engagement.

Le forze di centro-destra ed alcuni esponenti di spicco come Daniela Santanchè (legata a Briatore da forte amicizia) sono particolarmente attivi sul tema dei contagi, utilizzando l’argomento per incalzare il Governo e le forze di maggioranza. Carlo Calenda e il suo partito, Azione, confermano di utilizzare le piattaforme social come un asset di comunicazione, pubblicando il 15% dei contenuti. Salvini, Meloni e Calenda sono gli autori dei contenuti più condivisi su Twitter distanziando nettamente tutti gli altri politici intervenuti.

Fonte : Agi