Cristiano Ronaldo paradosso di mercato: la Juventus può faticare a trovargli una nuova squadra

Cosa ne sarà di Cristiano Ronaldo e la Juventus? La domanda rischia di diventare un tormentone nelle prossime settimane, le prime del nuovo ciclo targato Andrea Pirlo. Perché, al di là di dichiarazioni istituzionali – come la conferma della permanenza di CR7 in bianconero da parte del presidente Agnelli – o smentite di rito – l’entourage del calciatore ha negato di averlo offerto ad altri club – il futuro del portoghese in maglia bianconera è un discorso da approfondire.

Il tema ha tante sfaccettature. In primis c’è l’aspetto tecnico: la nuova Juve vorrà ancora ruotare attorno a Cristiano? Nell’ultima stagione, ancor più che nella sua prima in Italia, si è mostrato accentratore di gioco come pochi altri al mondo. Con i relativi pro e contro in relazione alla resa dei compagni di squadra. E poi c’è il tema economico. Soprattutto quello economico. Oggi Cristiano Ronaldo rappresenta un macigno sulle casse della Juventus. L’investimento operato nell’estate del 2018 ha un prezzo elevatissimo che la Vecchia Signora continua a pagare quotidianamente, di tasca sua. Nell’ultimo anno l’impatto di CR7 sui conti della Juve si è attestato a circa 83 milioni, tra la spesa lorda per il super stipendio e l’ammortamento. Il suo valore di carico a bilancio, inoltre, sfiora i 58 milioni: un’ipotetica cessione al di sotto di quella cifra andrebbe a generare una minusvalenza per la Juventus.

Queste cifre servono per tracciare i confini dell’orizzonte di Cristiano Ronaldo: quanti club, tra quei pochi realisticamente accostabili a lui, possono permettersi un investimento così ingente per un calciatore di 35 anni? Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Paris Saint-Germain e Bayern Monaco: difficile prendere in considerazione altre destinazioni. E già tra queste persistono grossi dubbi sull’eventuale inserimento di Ronaldo nei rispettivi contesti. In alcuni casi per ragioni tecniche, in altri per motivazioni progettuali. Per tutti, nonostante si parli del gotha calcistico mondiale, un’operazione sulle cifre menzionate in precedenza appare oggi fuori questione. Cristiano Ronaldo è troppo grande per cambiare squadra, a meno di un colpo di bravura di Jorge Mendes. È il paradosso di mercato che rischia di condizionare la Juventus.

Fonte : Fanpage