Colle del Sole: discarica a cielo aperto tra rifiuti e scheletri di motorini

Plastica, vestiti, sacchi di rifiuti e nell’erba alta uno scheletro di motorino. Poco prima invece quello di un’auto. Siamo a Colle del Sole, uno dei quartieri più periferici del sesto municipio dove da tempo sorge il cantiere dell’asse Modolo-Borutta. Ma dopo una iniziale fase di lavorazione e messa in sicurezza, parte dell’area (in direzione Borghesiana) è di nuovo sprofondata nel degrado.

Chi percorre una delle strade che si interseca con via Uta e via Borore non può non imbattersi in blocchi di cemento che originariamente posizionati a chiusura della strada sono ora posizionati solo da un lato e consentono l’accesso alla via. È qui che avviene uno sversamento incontrollato di rifiuti che però non è il solo problema: “Tutta la strada andrebbe messa in sicurezza – ha commentato Emanuele Licopodio (Lega) – Perché oltre lo scempio della discarica, ci sono tombini divelti pericolosi soprattutto per i bambini”. La richiesta: “Dopo quattro anni di promesse, i residenti vivono ancora nel disagio” ha concluso.

Intanto dall’assessorato all’ambiente del Municipio VI fanno sapere: “In municipio non abbiamo disponibilità di fondi che sono competenza del Dipartimento Simu, responsabile dell’opera. Segnaleremo il problema per capire se ci sono fondi – ha detto Katia Ziantoni, assessora all’ambiente – Ma se il cantiere non riparte queste situazioni continueranno a ripetersi”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

colle-del-sole-01-2

Fonte : Roma Today