The Cure, Robert Smith non sopportava i Queen: “Odiavo tutto quello che facevano”. Ecco perché

Robert Smith è sempre stato un personaggio controverso. Trucco eccessivo, capelli selvaggi, atteggiamento oscuro, il frontman dei Cure ha sempre espresso le sue opinioni senza mezzi termini. Anche quando erano scomode. 

Tra le band che l’artista proprio non sopporta ci sono i Queen, considerati mostri sacri della musica mondiale. In una intervista con Kirk Miller per Rolling Stone, il frontman ha rivelato quasi casualmente il suo fastidio verso la formazione di Freddie Mercury. Parlando dei Darkness ha detto: “Beh, non mi sono mai piaciuti i Queen. Posso onestamente dire che odiavo i Queen e tutto quello che facevano“. Hai poi continuato dicendo che i Darkness gli hanno sempre ricordato il gruppo di Londra: “No, non mi piacciono affatto i Darkness. Penso che siano una comedy band“. E per la proprietà transitiva, anche i Queen per lui sarebbero una band comica

Fortunatamente ci sono artisti e gruppi che Robert ha amato. Sempre nella stessa intervista, il cantante ha dichiarato di provare un certo interesse per band iconiche come i Beatles, i Rolling Stones e i Pink Floyd. Ammirazione anche per formazioni meno conosciute come i Buzzcocks. Non mancano i rappresentati del genere nu metal e post-hardcore, come i Korn e gli At the Drive-In. Nella lista dei preferiti di Smith ci sono anche gli Interpol, i Rapture, i Thursday e i Cursive. Insomma, non ci possiamo lamentare. 

Robert ultimamente ha sconvolto tutti con le sue dichiarazioni contro la Corona Inglese. Lo scorso anno ha criticato il concetto stesso di monarchia. “Qualsiasi tipo di privilegio ereditario, è semplicemente sbagliato“, ha detto a NME. “Non è solo anti-democrazia, è intrinsecamente sbagliata“. Inoltre, ha espresso la sua disapprovazione per chi accetta onorificenze dalla Regina, tra cui anche alcuni suoi colleghi. Per lui non sarebbe affatto un onore avere questo tipo di riconoscimento. 

Fonte : Virgin Radio