Il padre cercò di venderlo in spiaggia, la madre lo porta via dall’ospedale senza permesso

È stato portato via dalla mamma il bimbo rom di 2 due anni che a fine luglio il padre aveva “offerto” per prestazioni sessuali in cambio di soldi sul lungomare di Ostia. Secondo quanto ricostruito da RomaToday, la donna si è presentata questa mattina all’ospedale Grassi di Ostia dove il piccolo si trovava ricoverato per accertamenti e lo ha portato via senza autorizzazione, approfittando evidentemente di un attimo di distrazione da parte del personale sanitario, che ha subito dato l’allarme. Dalla Questura sottolineano che la donna al momento non avrebbe più la responsabilità genitoriale sul minore. 

Sono iniziate quindi le ricerche della madre e del bambino. Gli investigatori hanno ascoltato il personale medico, gli addetti alla vigilanza e i cittadini presenti al Grassi di Ostia. In più sono state acquisite le immagini di sorveglianza del plesso e dell’esterno. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Il piccolo, sotto choc e disidratato dopo l’episodio dello scorso luglio, secondo quanto emerso era stato affidato temporaneamente ai servizi sociali. Il bambino era stato portato in ospedale per accertamenti dopo essere stato salvato dalle forze dell’ordine. Il padre, un ragazzo di 25 anni, si era avvicinato a un turista sul lungomare Amerigo Vespucci offrendogli il bambino. Era stato dato subito l’allarme e il giovane era stato rintracciato e fermato dalle forze dell’ordine. 

Fonte : Today