L’ultimo saluto a Franca Valeri: la camera ardente al Teatro Argentina | FOTO

La camera ardente dell’attrice Franca Valeri al teatro Argentina, Roma, 10 agosto 2020. ANSA/ETTORE FERRARI

A partire dalle 17 di lunedì 10 agosto al Teatro Argentina di Roma è stata aperta la camera ardente di Franca Valeri, scomparsa ieri all’età di 100 anni. Francesco Rutelli, Simona Marchini, Barbara Palombelli; i membri della “sua” associazione animalista; decine e decine di persone disposte in una lunga fila stanno rendendo omaggio all’attrice il cui feretro è stato posto sulle tavole di legno del palcoscenico da lei tanto amato, davanti a una corona d’alloro del Comune di Roma. Tra i vari cuscini di fiori, quello di Sophia Loren e uno del Comune di Milano. Presente il vicesindaco di Roma e assessore alla Cultura, Luca Bergamo.

Un lungo omaggio silenzioso e composto per la grande attrice e autrice teatrale milanese, ma di adozione romana. All’interno del teatro, in filodiffusione, vengono trasmessi i suoi monologhi. Presenti la figlia e i parenti più stretti. “Franca Valeri amava Roma, Milano e l’Italia – ha commentato Bergamo – Era una persona intelligente, curiosa e garbata. Capace di fare ironia sui difetti, le caratteristiche e i vezzi degli uni e degli altri. È stata un bellissimo personaggio di tv, cinema e teatro e ci mancherà. Desiderava essere un’ultima volta sul palcoscenico dell’Argentina e il suo desiderio è stato esaudito”.

“La nostra associazione – ha ricordato infine una delle rappresentanti dell’associazione ‘Franca Valeri’ – venne fondata dall’attrice nel 2004 a Trevignano per aiutare gli animali più sfortunati. Oggi raccogliamo il suo testimone e porteremo avanti la sua missione”.

La camera ardente resterà aperta fino alle 21. I funerali si terrano in forma privata.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Fonte : Today