Pink Floyd, Roger Waters ha registrato una nuova versione di due brani di “The Wall”. Guarda il video

Roger Waters dei Pink Floyd ha registrato e pubblicato una nuova versione di due brani tratti dal’album “The Wall” del 1979: “Vera” e “Bring The Boys Back Home“. Il disco è considerato uno dei migliori nella storia del rock e queste nuove versioni danno sicuramente una nuova luce a due brani che all’epoca erano forse stati oscurati da altri enormi successi contenuti nel doppio LP come “Comfortably Numb” e “Another Brick In The Wall

Waters ha così raccontato, attraverso i suoi canali social ufficiali, i motivi che l’hanno spinto a scegliere questi due brani in particolare: “La Vera in questione è Vera Lynn. Era una cantante, autrice di canzoni inglese, molto popolare durante la seconda guerra mondiale. Il suo più grande successo è stato “We’ll meet again” ed era conosciuta come la “fidanzata delle orze armate”. La nostra Vera è morta sei settimane fa all’età di 103 anni. Che Dio la benedica“. All’interno della performance Waters ha scelto di reinterpretare anche “Bring The Boys Back Home“, rivolgendosi in camera direttamente al Presidente degli Stati Uniti Donald Trump: “Sì, riporta i ragazzi a casa, in particolare da Portland […]. Mio padre non è mai tornato a casa, ma almeno nel 1944 stava davvero lottando per difendere la sua casa. Non come adesso. Ora i ragazzi combattono e muoiono nelle guerre coloniali così qualche ricco str***o può diventare ancora più ricco. Se dipendesse da me, li porterei tutti a casa domani.

Fonte : Virgin Radio