Ryan Reynolds si è sposato in un’ex piantagione schiavista: “Un errore gigantesco”

Ryan Reynolds e Blake Lively continuano a scherzare sulla loro vita insieme. I due sono molto uniti, ma nella loro prima cerimonia di matrimonio non andò tutto come previsto, dato che scoprirono con un po’ di ritardo diessersi sposati all’interno di una ex piantagione di schiavi.

Con il movimento anti-razzista e le proteste che hanno sconvolto l’America, un incidente del genere potrebbe non essere ben visto dall’opinione pubblica e l’attore ha ribadito le proprie scuse in occasione di un’intervista per Fast Company:

È impossibile fare ammenda. Ciò che vedemmo allora era una bellissima location per matrimoni su Pinterest. Ciò che vedemmo dopo fu un luogo costruito sopra una devastante tragedia”.

Probabilmente la coppia è venuta a conoscenza del fatto solo a cerimonia conclusa, e per questo l’attore ha dichiarato: “Anni fa ci siamo sposati di nuovo, a casa. Ma la vergogna si manifesta in modi strani. Un ca**o di errore gigantesco come quello può metterti fuori dai giochi o può farti ripensare a certe cose e costringerti a metterti in gioco”.

Il suo sembra essere stato un errore in buona fede, e di certo la sua reputazione non ne soffrirà, anche perché Reynolds è sempre impegnato con la beneficenza e ha supportato le minoranze nella protesta americana. Ha addirittura offerto 5 mila dollari per ritrovare un orsacchiotto, particolarmente caro ad una bambina.

Fonte : Everyeye