The Pusher: il thriller che permise a Daniel Craig di diventare 007

The Pusher è un film fondamentale nella carriera di Daniel Craig, perché gli permise di mettere in mostra tutto il suo fascino freddo e distaccato, al servizio di una storia di criminalità che ha più di qualche punto di contatto con il cinema di Tarantino.

L’anonimo protagonista è uno spacciatore di cocaina sul punto di abbandonare il mestiere, proposito che viene costantemente rimandato a causa delle richieste dei suoi colleghi, che si vogliono servire di lui per un ultimo compito. La premessa serve per trascinare lo spettatore al centro del mondo della criminalità organizzata, tra locali notturni e rapimenti vari.

Il film inglese (il cui titolo originale è Layer Cake) vede il debutto alla regia di Matthew Vaughn e potrebbe essere interessante recuperarlo anche perché fu proprio grazie a questo ruolo che Craig suscitò l’interesse dei produttori di 007. Barbara Broccoli, figlia dello storico produttore dei film dedicati a James Bond, decise di proporgli la parte nel reboot Casinò Royale proprio dopo averlo visto in The Pusher. Con la scadenza del contratto di Pierce Brosnan la scelta ricadde quindi su Craig, che alla fine accettò l’offerta.

Il look è sicuramente quello, e in più di qualche scena si possono notare dei riferimenti al futuro James Bond. Per chi fosse interessato a recuperarlo, il film sarà trasmesso su Rai4 sabato 08 agosto alle 21:20, e in replica domenica alle 19.

Intanto i fan attendono notizie sulla data di uscita di No Time To Die, ultimo film di 007 per Craig, in cui sarà presente anche Rami Malek nei panni del villain principale.

Fonte : Everyeye