Kick-Ass 2 e il boicottaggio di Jim Carrey per la troppa violenza: i retroscena sul film

Questa sera su Mediaset 20 va in onda Kick-Ass 2, secondo film tratto dall’omonimo fumetto scritto da Mark Millar e disegnato da John Romita Jr. con protagonisti Aaron Taylor-Johnson, Chloe Grace Moretz e Jim Carrey.

Dopo gli eventi del primo film, Kick-Ass e la giovane assassina Hit Girl cercano di vivere come due normali teenager con le loro vere identità di Dave e Mindy. Preoccupato del diploma di fine anno e di un futuro alquanto incerto, Dave si unisce ad una squadra di supereroi Justice Forever, e nel frattempo Red Mist (tornato con il nuovo nome di The Mother Fuck) crea una propria squadra per farla pagare ai suoi acerrimi nemici.

Per l’occasione, abbiamo raccolto per voi le curiosità da non perdere sul dietro le quinte del film:

  • Sono stati eliminati dal film alcuni dei momenti più cruenti del fumetto, come l’omicidio di alcuni bambini e le scene di stupro con Red Mist. Quando ha saputo di questi tagli, l’interprete del personaggio Christopher Mintz-Plasse ha detto letterlamente: “Oh, grazie a dio”.
  • Prima della sua uscita nelle sale, Jim Carrey ha preso le distanze dalla violenza del film boicottandone la promozione. Millar in seguito si è detto “deliziato” dalle parole dell’attore, affermando che è stato come dire che “un porno ha troppa nudità.”
  • Le frasi “Cercate di divertirvi, alrimenti qual è il senso?” e “Sì, hai un cane attaccato alle palle” sono state entrambe improvvisate da Jim Carrey.
  • Evan Peters non ha potuto riprendere il ruolo di Todd Haynes per via dei suoi impegni con American Horror Story.
  • Nella stanza di Dave sono presenti i poster di ‘American Jesus’ e ‘Superior’, entrambi graphic novel firmate da Mark Millar.

Qui potete trovare la nostra recensione di Kick-Ass 2. Per altri approfondimenti, vi rimandiamo ai 6 fumetti di Mark Millar perfetti per diventare film.

Fonte : Everyeye