Agnelli tra l’esonero di Sarri e la nuova Juventus: “Ci prenderemo qualche giorno per capire”

Andrea Agnelli non si nasconde mai nei momenti più difficili. Lo ha fatto sempre in passato e lo ha rifatto dopo Juventus-Lione e la nuova, cocente eliminazione della Juventus dalla Champions League. Si è presentato davanti alle telecamere di Sky, ci ha messo la faccia e ha preso il microfono per fornire il punto di vista della società rispetto alla disfatta europea e, in generale, al bilancio della stagione.

“Il bilancio stagionale è agrodolce. Grande risultato il nono scudetto, in Champions bilancio deludente. La Champions resta un obiettivo per la Juventus. Ci prenderemo qualche giorno per capire come affrontare la prossima stagione con rinnovato entusiasmo. Il bilancio lo faremo col mister, lo staff, i giocatori. Si deve ripartire con rinnovato entusiasmo senza dare per scontato quello che abbiamo fatto in Italia. Gli scudetti non si vincono per inerzia”.

Il presidente non nomina mai Sarri direttamente, gli fa riferimento sempre in modo laterale, lasciando intendere che le riflessioni dei prossimi giorni interesseranno in modo particolare la guida tecnica. Si esprime invece molto chiaramente su possibili scossoni anche a livello societario e conferma la fiducia ai suoi collaboratori più stretti.

“Qualche giorno fa ho fatto grandi complimenti a Nedved e Paratici per come hanno gestito quest’anno, molto difficile. Ho stima per questo gruppo dirigente e che assieme continuerà a perseguire obiettivi che devono poter essere perseguiti dalla Juventus”.

Confermato senza alcun tipo di esitazione anche Cristiano Ronaldo, a pochi giorni dalle indiscrezioni dalla Francia sui possibili malumori del campione portoghese, attratto da un avventura al Paris Saint-Germain.

“Cristiano Ronaldo? Resta un pilastro della Juventus”.

La Juve ripartirà da lui. Altre certezze, ad oggi, non ce ne sono ancora.

Fonte : Fanpage