Strike Back 7, cos’è successo nei primi due episodi della serie tv

Su Sky Atlantic è in onda la settima e ultima stagione di ‘Strike Back’: ecco cos’è successo nei primi due episodi (la serie è in onda ogni martedì alle 21.15, disponibile anche On Demand e in streaming su NOW TV)

Strike Back 7, cos’è successo nel primo episodio

La Sezione 20 viene mandata da Coltrane a Pristina, in Kosovo, per trarre in salvo la dottoressa Helen McCluskey, un’esperta di biochimica rapita in Kosovo dalla mafia albanese. McCluskey rivela a Novin, Wyatt, Mac e Chetri, la new entry, che in ballo c’è un ceppo del pericolosissimo virus Margburg creato dai britannici e “migliorato”, cioè reso ancora più letale, dai serbi durante la guerra nei Balcani. In realtà, però, non si tratta solo di una missione di salvataggio: Coltrane, infatti, ha ricevuto l’ordine di eliminare la scienziata, che, colpevole di non essere stata zitta riguardo le sue pericolose ricerche.

Il team riesce a fuggire, ma il target, cioè McCluskey muore per mano di Jovan, un socio della mafia albanese. L’organizzazione criminale, intenzionata a mettere le mani sul virus, irrompe nel laboratorio della dottoressa e riesce a portare via alcuni campioni dell’arma batteriologica nonostante il pronto intervento della Sezione 20. Novin uccide accidentalmente un civile nella confusione dello scontro, ma almeno Jovan viene catturato.

In Macedonia, Coltrane incontra Spencer, il vice direttore dell’MI6: il governo britannico vuole che ogni campione del virus e tutte le informazioni su di esso siano recuperate in modo da cancellare ogni traccia del suo passato coinvolgimento nello sviluppo di un’arma che rischia seriamente di essere utilizzata a fini terroristici. Intanto Edon Demachi, il leader della mafia albanese, torna a casa e parla a suo figlio Loric dell’imminente matrimonio che li unirà alla famiglia criminale Vironi e che, soprattutto, servirà a mettere fine a una sanguinosa rivalità.

I Demachi si recano poi a Venezia per vendere il virus: non sanno di essere tenuti d’occhio dalla Sezione 20. Coltrane interroga Jovan: il colonnello è sicuro che l’uomo in realtà sia Branko Hajrovic, un ufficiale militare conosciuto in Bosnia all’epoca della guerra e colpevole del massacro di un intero villaggio. Jovan nega ogni cosa, ma in compenso rivela che Edon darà un campione dell’arma batteriologica a degli acquirenti che, secondo le informazioni raccolte da Chetri, rapprensentano qualcuno chiamato Zayef.

La situazione degenera nel giro di pochissimo, ma Mac e Wyatt riescono per un pelo a evitare che il virus venga rilasciato in città. Novin, ancora turbata per quanto accaduto, però esita, dando così la possibilità al nemico di fuggire. Coltrane e Jovan vengono attaccati in ospedale da alcuni sicura di Demachi. Jovan muore, ma prima confessa: sì, in un’altra vita si chiamava Branko Hajrovic.

CLICCA QUI: Strike Back 7, le foto della stagione finale

Strike Back 7, cos’è successo nel secondo episodio

Edon Demachi rivela alla moglie Arianna che hanno 8 milioni di dollari di debito, ma grazie alla vendita del virus le cose si sistemeranno. La Sezione 20 prova a sfruttare l’odio di Loric nei confronti del padre: dopo aver raggiunto il rampollo in uno strip club, i nostri provano a reclutarlo. Uscito vivo per miracolo da una sparatoria, il ragazzo decide di collaborare. Nel frattempo, Mac accetta l’offerta di Coltrane: da qui in avanti potrebbero cambiare molte cose.

Tornati a casa, i Demachi hanno uno spiacevole incontro con il capofamiglia del clan Vironi, che ha deciso di annullare il matrimonio combinato. Edon e Arianna non la prendono per niente bene e lo fanno uccidere. Intanto Mac riesce a intercettare in Albania gli acquirenti dell’arma biologica, i fratelli Zayef e Mahir Hiraji, due bosniaci mussulmani in cerca di vendetta contro i paesi dell’Ovest, colpevoli dell’inazione delle Nazioni Unite e delle forze della NATO durante la guerra nei Balcani…guerra in cui i due hanno perso la loro famiglia…

La Sezione 20 scopre che Mahir e Edon Demachi hanno deciso di incontrarsi in territorio neutro, precisamente su un treno diretto a Tirana, per concludere il loro accordo. Ovviamente non va tutto liscio: gli uomini di Zayef, infatti, uccidono gli uomini di Demachi in un’imboscata dopo che i campioni del virus sono passati in mano a Mahir. Mac uccide Edon, già gravemente ferito, ma prima si fa dare da lui quanto necessario per il tracciamento dell’arma biologica, ora in mano ai fratelli Hiraji.

Il team attacca i jihadisti e distrugge il virus utilizzando dell’esplosivo, ma Zayef e Mahir riescono a fuggire. Coltrane è preoccupato: perché dopo tutta quella fatica i due fratelli terroristi hanno deciso di lasciarsi alle spalle l’arma appena ottenuta da Demachi? Sicuramente c’è in ballo qualcos’altro…qualcosa di ancora peggiore… Arianna giura di sterminare la Sezione 20 per vendicare la morte di suo marito.

Fonte : Sky Tg24