Canarie tra mare e cielo: la siderale bellezza di La Palma

Spiagge multicolori, trekking e camminate tra boschi e montagne, circondati da panorami mozzafiato

Per questa sua caratteristica “celeste” è stata nominata prima riserva Starlight nel mondo e lungo tutto il territorio si osservano numerosi punti per scrutare il cielo: Llanos del Jable, Llano de la Venta e Montaña de Las Toscas sono alcuni di questi. A Roque de los Muchachos ha inoltre sede l’Osservatorio Astrofisico. La struttura ospita uno dei sistemi di telescopi più estesi a livello globale che può essere visitato in compagnia di guide specializzate.

Itinerari – Per gli appassionati di trekking e camminate, non c’è attività migliore della rotta di Los Vulcanos. Questo itinerario presenta percorsi naturali unici che si dislocano tra i villaggi rurali di La Palma e si distinguono per il contrasto tra il verde del pino canario e il giallo del “cuoricino”, un fiore endemico dell’isola. Al termine del tragitto, i 1.932 metri d’altitudine consentono di ammirare il panorama completo dell’isola. Altro tour particolarmente apprezzato è quello tra i boschi di Los Tilos, diventati Riserva della Biosfera dall’UNESCO nel 2002. Per visitare la riserva, si possono scegliere due sentieri autoguidati: il primo, della lunghezza di 2,5 chilometri, conduce i visitatori nel cuore del bosco; il secondo prevede una salita di circa mille metri e si conclude con l’arrivo alle sorgenti di Marcos y Cordero.

La spiaggia nera di Puerto Naos –  Gli amanti del mare possono invece recarsi nella costa occidentale, presso la spiaggia di Puerto Naos. Celebre per la sabbia di colore nero, è un luogo che propone diverse attività come parapendio ed escursioni subacquee. Quest’ultime in particolare consentono di visitare lo splendido fondale della costa e spesso vengono effettuate dopo il calare del sole. La spiaggia è inoltre circondata da un lungomare con ristornati e terrazze che danno sul litorale. 

Le Saline di Fuencaliente – Scendendo verso sud si accede alle Saline di Fuencaliente, dichiarate Sito di Interesse Scientifico per via delle numerose specie che l’hanno eletta loro dimora. In questa particolare località aria e acqua si fondono producendo piccoli cristalli di sale che uniti alla luce del sole creano effetti di colore azzurro e rosa. Il contrasto tra il bianco delle saline e il nero delle superfici vulcaniche, soprattutto al tramonto, dipinge un paesaggio unico e di inimitabile bellezza.

Per maggiori informazioni: www.ciaoisolecanarie.com

Fonte : TgCom