The King’s Man: esiste una Vaughn Cut di 40 minuti più lunga, tutti i dettagli

Ora che l’uscita in sala di The King’s Man sembra farsi più concreta, il regista Matthew Vaughn ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla pellicola, compresa la conferma dell’esistenza di una seconda versione del film, più lunga e decisamente più scorretta, con un quantitativo molto ampio di scene che è stato costretto ad eliminare.

A quanto pare la “Vaughn Cut” conterrebbe circa 40 minuti di materiale tagliato dalla versione cinematografica: “Ho tagliato così tanto materiale dal film che sarebbe stato circa 40 minuti più lungo. Farò la The King’s Man Vaughn Cut. Ci ho messo dentro alcune battute veramente oscene“. Chissà se vedremo mai questa versione più lunga e scorretta della pellicola; intanto, la versione cinematografica è fissata per l’uscita nelle sale il 18 settembre 2020, salvo altri rinvii dovuti principalmente alla emergenza sanitaria corrente. Uno snodo fondamentale lo offrirà l’uscita in sala di Tenet, il nuovo film di Christopher Nolan, per capire come reagirà il pubblico all’uscita di un nuovo film.

Inoltre, The King’s Man conterrà dei “semi” che porteranno poi all’annunciato Kingsman 3, capitolo conclusivo della saga con Taron Egerton e Colin Firth. Dice infatti Vaughn: “Sì, all’interno del film abbiamo inserito alcune anticipazioni e piccoli semi di quello che accadrà poi in Kingsman 3. E comunque sarà un film profondamente diverso. Ancora non so se dirigerò il l’ultimo capitolo, ma ci sto seriamente pensando. Vedremo“.

La trama di The King’s Man – Le origini è ambientata nei primi del Novecento e racconta la storia di un uomo in lotta contro il tempo per cercare di fermare un gruppo di malvagi composto dai tiranni e criminali più potenti, pronti a scatenare una guerra che potrebbe avere conseguenze apocalittiche. La narrazione di The King’s Man – Le origini conduce principalmente alla creazione dell’organizzazione segreta e di tutte le peripezie che hanno anticipato la nascita dei Kingsman.

Fonte : Everyeye