Cede Sanchez all’Inter, richiama Smalling dalla Roma: così lo United ci guadagna

Due prestiti che hanno avuto un esito diverso. E c’è da chiedersi cosa abbia spinto il Manchester United a essere “magnanimo” nell’operazione che lascia Alexis Sanchez all’Inter mentre non ha fatto sconti alla Roma per Chris Smalling. Il cileno ha trovato l’accordo con i nerazzurri: a 32 anni ha strappato un contratto triennale da 7 milioni netti a stagione. Una somma inferiore rispetto a quanto guadagnava a Old Trafford (12 milioni netti) ma è un buon compromesso che il “niño maravilla” ha accettato con soddisfazione considerata l’età, le prospettive e il compenso: per i Red Devils era divenuto un “peso” a bilancio; per i nerazzurri è un ottimo affare (il calciatore arriva a parametro zero) che in vista della Champions non intacca il reparto offensivo già formato da Lukaku e Lautaro Martinez.

Quanto a Smalling (30 anni), che nella Capitale sarebbe rimasto volentieri, lo United ha altri programmi e la sua situazione s’intreccia con una valutazione economica differente. La scadenza contrattuale è la stessa di Sanchez (2022) ma l’incidenza a bilancio e l’appeal sul mercato del difensore ha un peso differente rispetto al sudamericano. Partiamo dal “vil denaro” che fa sempre la differenza.

Cedendo l’attaccante lo United toglie dai conti una zavorra da 12 milioni netti a stagione che, nel complesso, grava al lordo per circa 50 milioni (meglio rinunciare all’indennizzo oggi alimentando il risparmio piuttosto che attendere ancora e ritrovarsi sul “groppone” un giocatore che non rientra più nei piani, ha un costo elevato e nessun margine di investimento per il futuro considerata anche l’età).

Per il difensore, invece, la stima è molto più contenuta e non va oltre i 3 milioni netti. La buona stagione disputata in Serie A ha fatto sì che da Manchester accendessero di nuovo i riflettori su di lui: prima di lasciarlo andare a cuor leggero c’è da pensarci meglio… nella peggiore delle ipotesi, resta un elemento che ha mercato in Premier League dove i club non hanno alcuna difficoltà a mettere sul piatto i 18 milioni richiesti dallo United (e che la Roma non ha potuto e non può assicurare).

Fonte : Fanpage