Lancia transenne sui binari, i carabinieri evitano al treno di deragliare

Sono le ore 7:18 quando la Centrale Operativa dei Carabinieri di Borgo Val di Taro, riceve una chiamata sul 112. Al telefono un cittadino di Ostia Parmense che comunica di vedere dalla finestra un cittadino di origini straniere che sta devastando la locale Stazione Ferroviaria.

La pattuglia di pronto intervento, che si trova a pochi kilometri di distanza, viene immediatamente avvertita ed inviata sul posto.

L’uomo viene colto mentre ancora sta danneggiando ogni cosa. Porta a vetri infranta, obliteratrice staccata dalla sua sede e gettata in un piazzale attiguo, il tabellone degli orari divelto e in frantumi, ma ancor peggio, tre transenne gettate sul primo binario.

L’uomo viene fermato con difficoltà anche perché risulta estremamente agitato. Nel compiere queste operazioni si sente l’altoparlante della Stazione Ferroviaria che annuncia l’arrivo di un convoglio in transito e in particolare il Regionale 11902 in arrivo da La Spezia e diretto a Parma con a bordo centinaia di utenti.

I Carabinieri, percepiscono il concreto pericolo di un deragliamento e, mentre uno dei due cerca di contenere le furia dell’uomo, l’altro scende sui binari già notando il treno in arrivo. Delle tre transenne, due riesce a spostarle gettandole sul marciapiede mentre la terza viene urtata dalla locomontiva e sbalzata ad una decina di metri. Il contraccolpo ferisce lievemente il militare che si reca al Pronto Soccorso dell’Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro dove viene curato dai sanitari.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

L’uomo, un tunisino di 21 anni circa, con precedenti di Polizia, viene subito tratto in arresto per attentato alla sicurezza dei trasporti ed accompagnato, dagli uomini del N.O.R.M. presso la locale Compagnia dei Carabinieri. A suo carico oltre al reato predetto gli verrà altresì addebitato la violazione penale del danneggiamento aggravato perché effettuato su cose pubbliche. Il danno è ingente ed ammonta a circa 10.000 euro.

Fonte: ParmaToday →
Fonte : Today