“Me devi da’ i soldi, ve brucio casa”: calci e pugni alla porta della suocera per estorcerle denaro

Diecimila euro questa la somma che un 48enne romano ha estorto, dietro violenze e minacce nel corso degli anni alla moglie e alla sua famiglia. Andavano a finire tutti nella droga i soldi ricevuti, così come  ha raccontato la suocera agli agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti e del commissariato Primavalle intervenuti, dietro sua richiesta al 112, quando nel pomeriggio di martedì, l’uomo, ha iniziato a sferrare calci e pugni alla porta d’ingresso della sua abitazione, pretendo per l’ennesima volta soldi e minacciandola: “Me devi da i soldi, altrimenti te ammazzo a te e a tuo marito, ve brucio casa”.

L’uomo, ha continuato con il suo comportamento aggressivo anche all’arrivo degli agenti verso i quali si è scagliato con testate e calci, procurando loro ferite giudicate guaribili in tre giorni. Bloccato il 48enne è stato accompagnato in commissariato dove ha danneggiato e staccato dalla sede una finestra a vetri presente all’interno di una stanza.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Al termine degli adempimenti, l’uomo è stato arrestato per tentata estorsione aggravata, resistenza, minacce, lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento pluriaggravato. L’uomo si trova ora associato presso il carcere di Regina Coeli a disposizione dell’autorità giudiziaria.
 

Fonte : Roma Today