Serie A, caccia al secondo posto: quanto vale il piazzamento in classifica

Il campionato di Serie A si avvicina alla sua conclusione. Dopo lo stop a causa dell’emergenza coronavirus e il ritorno in campo con un calendario super “stretto”, mancano gli ultimi match per chiudere la stagione 2019/2020, una delle più complicate nella storia del calcio italiano. La Juventus si è già aggiudicata lo scudetto, ma restano da decidere ancora diversi piazzamenti in classifica. “Arrivare secondi e quarti è la stessa cosa”, diceva Antonio Conte nelle scorse settimane, una verità a metà, perché è vero che in entrambi i piazzamenti si accede alla Champions League, ma il divario in termini economici tra le due posizioni è netto. 

Serie A, quanto vale il piazzamento in classifica

Dal punto di vista economico, il sistema di ripartizione dei diritti tv passa infatti per il posto in classifica a fine stagione, oltre che per le qualificazioni in Champions o Europa League. In palio c’è un tesoretto complessivo vicino al miliardo di euro, con i diritti tv in prima linea. Tra tutti i club, i prime cinque classificati sono quelli che beneficeranno maggiormente dei premi, ma anche gli altri potranno ottenere una buona dose di ricavi.

Ecco i ricavi in base al piazzamento in classifica della Serie A 2019/2020:

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

  • 1. 23,4 milioni di euro;
  • 2. 19,4 milioni;
  • 3. 16,8 milioni;
  • 4. 14,2 milioni;
  • 5. 12,5 milioni;
  • 6. 10,9 milioni;
  • 7. 9,3 milioni;
  • 8. 8,3 milioni;
  • 9. 7,4 milioni;
  • 10. 6,3 milioni;
  • 11. 5,5 milioni;
  • 12. 5 milioni;
  • 13. 4,6 milioni;
  • 14. 4,1 milioni;
  • 15. 3,6 milioni;
  • 16. 3,2 milioni;
  • 17. 2,8 milioni;
  • 18. 2,2 milioni;
  • 19. 1,6 milioni;
  • 20. 0,9 milioni.

Chi centrerà il secondo posto otterrà invece 19,4 milioni di euro, mentre fra il terzo e il sesto posto c’è un divario consistente: si va da 16,8 a 10,9 milioni. Scendendo a metà classifica, la settima classificata porta a casa 9,3 milioni, mentre a metà – decimo posto – i ricavi sono pari a 6,3 milioni. Il primo dei club salvi, invece, riceverà 2,8 milioni. Infine l’ultima, la Spal, prenderà meno di un milione. A tutto ciò, vanno sommati i ricavi ulteriori derivanti dai posti Champions, fra i 40 e i 50 milioni di premi Uefa, a seconda dei risultati ottenuti negli ultimi dieci anni, così come quelli derivanti dai posti validi per l’Europa League. Qui i soldi sono parecchi di meno, 10 milioni a club più il contributo della Lega di 2,5 milioni.

Fonte : Today