Coronavirus, a Roma il totale dei casi di importazione proviene da ben 30 nazioni

Ad oggi il totale dei casi di importazione a Roma proviene da ben 30 Paesi e quelli a maggior incidenza sono il Bangladesh l’India, il Pakistan e la Romania. A dirlo è l’assessore alla sanità nel Lazio Alessio D’Amato al termine della task force del 29 luglio dove, solo nella Capitale, sono stati segnalati 25 nuovi contagi.

Nel frattempo sno previsti per questa settimana circa 500 arrivi a Roma, soprattutto nelle stazioni Termini e Tiburtina, e la Regione ha assicurato che saranno svolti test anche nelle ore notturne e nei fine settimana quando sono previsti il maggior numero di arrivi.

I nuovi casi di Coronavirus a Roma città

Per quanto concerne la città di Roma, come detto sono 25 i nuovi casi al SarsCov2. Nel dettaglio, nella Asl Roma 1 sono cinque i casi nelle ultime 24h e di questi uno riguarda una donna di rientro dalla Romania per la quale è stato effettuato il contact tracing internazionale, un caso di un uomo in accesso al pronto soccorso e un caso di un uomo con link familiare ad un caso già noto e isolato.

Nella Asl Roma 2 sono 17 i nuovi casi nelle ultime 24h e di questi otto riguardano persone di nazionalità del Bangladesh testate al drive-in, una donna di rientro dalla Romania, un uomo di nazionalità Afgana con un link ad un caso già noto e isolato e tre casi con link familiare ad una bambina ricoverata nei giorni scorsi al Bambino Gesù di Palidoro. Nella Asl Roma 3 sono tre i nuovi casi nelle ultime 24h e uno di questi riguarda un caso con link on un cluster familiare già noto e isolato.

Spallanzani dà via libera a due test rapidi 

I due test rapidi anti-Covid all’esame dell’Istituto Spallanzani sono stati verificati e, secondo quanto si apprende, la relazione è stata inviata al ministero della Salute.

Si tratta di due test rapidi con tampone oro-faringeo: il secondo tipo, che utilizza il metodo dell’immunofluorescenza, sarebbe quello più attendibile. La Regione Lazio si appresterebbe ad utilizzare quest’ultimo test per i passeggeri dei bus provenienti dall’Est alla stazione Tiburtina. Il test potrebbe essere impiegato anche all’aeroporto di Fiumicino.

Regione: 12 positivi in Comunità Sikh

“A Latina sono stati eseguiti più di 400 test alla Comunità Sikh. Sono dodici i casi in cui è stata rilevata la presenza di anticorpi e sono stati isolati e successivamente sottoposti a tampone i cui risultati si avranno nella giornata di domani”. Lo comunica l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio.

“E’ un dato importante – è spiegato – perché c’è stata una grande adesione della Comunità Sikh e i casi di sieroprevalenza rientrano in un tasso di circolazione coerente con la media regionale. Si dimostra così che i nuovi casi sono soprattutto quelli di importazione e non le comunità residenti nella nostra regione. Nel pomeriggio infine sono stati effettuati i test anche al secondo pullman proveniente dalla Romania presso il Terminal di Tiburtina. I test hanno dato tutti esito negativo”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Fonte : Roma Today