Hugh Grant: quando l’attore fu arrestato e rischiò la carriera per un’escort

Era il 9 agosto 1995 quando il celebre attore britannico Hugh Grant attirò su di sé tutti i riflettori ed i tabloid del mondo: il motivo? Essere stato fermato dalla polizia in compagnia ad un’escort, il cui “nome d’arte” era Divine Brown.

All’epoca Grant era fidanzato con l’altrettanto celebre modella Liz Hurley, che proprio in quel periodo aveva firmato un milionario contratto con Estée Lauder per diventare il nuovo volto della sua linea di profumi. Secondo quanto dichiarato dalla polizia, il fermo sarebbe avvenuto all’1 e 28 di notte e a bordo della Bmw coupè dell’attore, il quale fu condannato ad una notte in cella e ad una multa di $1180 per “atti osceni in luogo pubblico”.

Tutti si chiesero se la Brown avrebbe venduto l’esclusiva a tabloid scandalistici o agli avvocati di Grant, ma alla fine vinsero i primi: il News of the world si aggiudicò l’intervista per gli allora 265 milioni di lire. Dopo aver dato un appena sufficiente “6” alle prestazioni di Grant, la Brown rivelò di aver proposto al VIP di andare in un camera d’albergo, ma che lui preferì invece appartarsi e rimanere in auto, risparmiando così $40.

Quale fu la risposta della Hurley? Il giorno dopo la top model, che ostentò una calma impassibile, si recò normalmente a lavoro e al pomeriggio si ritirò a casa di amici, salvo perdonare Grant pochi giorni dopo: i due rimasero insieme per altri 5 anni, mentre nel 2018 l’attore sposa la produttrice svedese Anna Eberstein da cui avrà 5 figli.

Fonte : Everyeye