Incentivi auto usate: cosa sono e come funzionano

O le si odia o le si ama: sono le auto usate. Di solito opzione super-gettonata da genitori alle prese con figli neopatentati e senz’altro primissima scelta di chi deve fare i conti con budget risicati. Chi le odia, di solito, è perché, almeno una volta, ha ricevuto la classica “sòla” e ha passato gli anni successivi all’acquisto a metter mano al portafogli per la manutenzione. Chi le ama, invece, spesso ha scelto un usato garantito, categoria diversa perché prevede tutele da parte del venditore che mettono al riparo dai rischi del “chissà quello che l’ha usata prima di me come la trattava?

Eppure, nell’immaginario comune, le auto usate sono considerate come il “cugino povero” del settore. Ed è forse questo il motivo per il quale, al momento dell’acquisto, a livello statale, gli incentivi auto usate, e gli incentivi km 0, sono pressoché inesistenti. Basti pensare che, per le auto nuove, il Governo ha previsto sia lo sconto fiscale per l’acquisto di veicoli nuovi con emissioni di CO2 fino a 110 g/km e con un prezzo di listino fino a 40.000 € IVA inclusa, che sconti fino a 4.000 € sul totale in caso di rottamazione o di 3.500 € in caso di solo acquisto. Per le auto usate, invece, nulla di tutto questo, ma solo un’agevolazione del 60% sugli oneri fiscali per il passaggio di proprietà. Briciole, insomma. Ma del resto stiamo parlando del “cugino povero”.

Una situazione chiaramente sbilanciata, e che oltrettutto oggi non rispecchia i reali trend del settore, che vedono il segmento dell’usato, in risalita, far letteralmente da traino a quello del nuovo, tutt’ora in grossa crisi. Nei mesi di emergenza sanitaria, infatti, senza la possibilità per i clienti di muoversi su strada, né per le concessionarie di rimanere aperte, il drastico calo si è sentito in tutto il settore. Con il 50% in meno di immatricolazioni rispetto all’anno passato nel mese di maggio, e un buon 23% in meno toccato anche a giugno rispetto al 2019, le auto nuove, ahimé, non  sono ripartite!

Meno colpito, invece, il mercato dell’usato, che a maggio ha fatto registrare una contrazione di passaggi di proprietà del 30%, ma ha anche mostrato segnali di ripresa già da giugno con un +6,6%. Risultato: auto usate 1, auto nuove 0.

In realtà non c’è da meravigliarsi, considerato che il segmento dell’usato propone sempre più spesso usati garantiti o veicoli a km zero (auto di fatto nuove e immatricolate, ma che non hanno mai marciato su strada), offrendo indiscutibili vantaggi rispetto alle “cugine ricche”: ottimi prezzi e un buon rapporto qualità prezzo, che in un periodo di instabilità economica come quello attuale non guastano, disponibilità in pronta consegna e tutele fornite da parte di solide aziende. Meno incentivanti, paradossalmente, sono proprio gli incentivi statali sul segmento che, come detto, lasciano a desiderare.

Motivo in più, però, per le concessionarie che da sempre si occupano di usato, per spingere sull’acceleratore finché il segmento è in crescita. Romana Auto, uno dei più importanti rivenditori di Roma di vetture usate aziendali garantite e di km zero, conosciuto soprattutto per il marchio FCA (Fiat, Jeep, Lancia, Alfa), ma anche per un’ampia scelta tra Renault, Nissan, Volkswagen, Toyota, Peugeot, Ford e Hyundai, è una delle poche concessionarie ad aver registrato addirittura un aumento dei volumi superiore al 15% rispetto al periodo maggio/giugno 2019, a dispetto proprio degli scarsi incentivi statali. Per questo ha deciso, unica nel settore, di prendere la situazione in mano e attivare autonomamente incentivi auto usate e incentivi km 0, a copertura della mancanza legislativa.

Per le vetture a km zero, gli sconti di Romana Auto, vanno da 1.000 € senza rottamazione a 1.500 € in caso di rottamazione, mentre per veicoli usati garantiti il ribasso passa da 600 € per il solo acquisto a 1.000 € con la rottamazione.

Con oltre 700 auto in mostra e i prezzi più convenienti di Roma (si risparmia oltre il 60% rispetto al prezzo di listino), una visita alla Concessionaria Romana Auto è d’obbligo.

parco_auto-2

Fonte : Roma Today