Accordo Vietnam-Usa per la pesca e contro ‘minacce’ nel Mare Orientale

Un memorandum firmato a Hanoi  per lo sviluppo sostenibile della pesca e il sostegno ai pescatori vietnamiti. In precedenza, il Segretario di Stato Usa, Michael Pompeo, ha detto che gli Stati Uniti supportano i Paesi in queste aree, quando essi credono che la loro sovranità sul mare sia stata violata da parte di Pechino.

Hanoi (AsiaNews) – Dal 2015, gli Stati Uniti e il Vietnam collaborano per migliorare la capacità delle forze dell’ordine e della gestione della pesca attraverso brevi periodi di formazione tecnica, conducendo viaggi di studio, scambi di esperienze tra loro e sostenendo altre tecniche per I pescatori del Vietnam.

Recentemente, fonti locali del Vietnam hanno mostrato che il 22 luglio, ad Hanoi, la Direzione della pesca (D-FISH) del Vietnam e il Dipartimento per la prevenzione della droga e l’applicazione della legge internazionale (INL) del Dipartimento di Stato americano hanno firmato un nuovo protocollo d’intesa (MOU) sul “rafforzamento della capacità di applicazione della legge sulla pesca”.

Parlando alla cerimonia della firma, Daniel J. Kritenbrink, ambasciatore degli Stati Uniti in Viet Nam, ha affermato che “Gli Stati Uniti hanno una vasta esperienza nell’amministrazione e nel controllo della pesca in mare. Siamo disposti a condividere le nostre esperienze con il Vietnam. Non vediamo l’ora di cooperare con il Vietnam per la pesca sostenibile e per sostenere i pescatori vietnamiti contro le minacce illegali sul mare”.

Il memorandum d’intesa (MOU) promuoverà inoltre la cooperazione tra Vietnam, Stati Uniti e agenzie internazionali per far rispettare il diritto internazionale e assicurare al tempo stesso lo sviluppo sostenibile delle risorse della vita marina.

La firma del Memorandum of Understanding (MOU) è arrivata dopo che Michael Richard Pompeo, Segretario di Stato degli Stati Uniti, ha annunciato il 15 luglio che gli Stati Uniti supportano i Paesi in queste aree, quando essi credono che la loro sovranità sul mare sia stata violata da parte di Pechino. “Alla Cina – ha detto ancora Pompeo – non è consentito trattare il Mare orientale come acque dell’impero cinese”.

E’ in tale situazione che Trần Đình Luân, direttore generale del Dipartimento generale della pesca del Vietnam e l’ambasciatore americano Daniel J. Kritenbrink, hanno firmato questo memorandum.

In particolare, le attività di cooperazione tra i due Paesi saranno attuate in conformità con il Memorandum, compreso: “Costruire e implementare programmi di cooperazione, sostenere la tecnologia per le agenzie per far rispettare la legge della pesca, per prevenire e combattere lo sfruttamento illegale del pescato. Entrambe le parti collaborano anche per combattere e prevenire la pesca illegale e non conforme con il diritto internazionale del mare.

Entro febbraio 2021, il Dipartimento statunitense per la prevenzione e la repressione della droga (INL) dovrebbe offrire alla Direzione della pesca del Vietnam (D-FISH) un centro di addestramento nella zona 5 dell’isola di Phú Quốc. Questo centro contribuirà a rafforzare le capacità del Dipartimento della pesca e anche delle forze degli ispettori locali della pesca in 28 province costiere del Vietnam.

Sempre secondo questo memorandum, gli Stati Uniti aiuteranno la Direzione della pesca del Vietnam contro le minacce illegali nel Mare orientale. Inoltre i pescatori vietnamiti hanno l’opportunità di lavorare in mare senza timore di naufragi, rapina di attrezzi da pesca, violenza e intimidazione o essere gettati nel vasto mare nella notte oscura da “strane navi del vicino”.

Fonte : Asia