Riapre Tako Sushi, cucina giapponese “semplice” a Roma

Riapre questa settimana con la nuova formula di ristorazione giapponese contemporanea Tako Sushi. L’idea è quella di un percorso di degustazione della cucina giapponese che resta semplice, diretta e allo stesso tempo ricercata. La famiglia Tako è una famiglia di ristoratori di vecchia data ma soprattutto di amanti della cucina giapponese che ha voluto riportare a Roma con fedeltà le tradizioni culinarie del Sol Levante.

Il menù di Tako Sushi è infatti frutto della loro passione per una cucina “esperenziale” che pone l’accento sulla voglia di far conoscere il Giappone più autentico in una chiave fresca e semplificata, lontano da estremismi gourmet che non si addicono alla vera essenza della culinaria nipponica.

Nel menù oltre ad una vasta sezione alla carta è anche presenza la parte AYCE, intesa non come una proposta scadente, ma come la possibilità di avere tante diverse porzioni dei piatti principali di Tako. 

In cucina uno staff 100% giapponese che dà vita a piatti particolari come il roll con mango con spigola tartufata e menta e i golossissimi Bao preparati freschi dai sushiman tutti i giorni che possono essere farciti con carne, pesce crudo o pesce cotto e arricchiti con verdure o salse agrodolci fatte in casa. Altra importante caratteristica di Tako sono infatti le salse home made che si declinano in varie tipologie di soia, teriyaki e salse agrodolci.

L’interior design rispecchia le tendenze nipponiche attuali con pezzi d’arredamento ricercati, velluti originali, texture marmoree ed elementi in oro e bronzo. Il sistema di luci calde e soffuse è stato studiato per ricreare un’atmosfera accogliente dove trascorrere una serata a prezzi abbordabili ma con la qualità di un ristorante di livello. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Il ristorante si divide tra interni e dehors per un totale di 100 coperti distribuiti secondo le attuali disposizioni ministeriali. 

Fonte : Roma Today