Coronavirus, nel Lazio fatti oltre 600 mila test. D’Amato: “Priorità difendere Roma”

La priorità della Regione è quella di difendere Roma e il Lazio. Lo sostiene l’assessore alla sanità Alessio D’Amato, che ha annunciato un provvedimento volto a contenere i casi d’importazione: “Faremo un’ordinanza per i test ai viaggiatori in pullman dai Paesi a rischio. La priorità è quella di difendere Roma e il Lazio”. 

Nelle ultime 24 ore sono stati 19 i nuovi casi, di questi cinque sono casi di importazione: due casi di nazionalità del Bangladesh e tre dall’India. “Abbiamo superato quota 600 mila tra test sierologici e tamponi eseguiti”, ha aggiunto D’Amato.

Chiuso negozio ottica a Torpignattara per cluster familiare

Sospesa a Torpignattara l’attività di un negozio di ottica per un cluster familiare con tre persone positive: è in corso l’indagine epidemiologica da parte della Asl Roma 2. Positivo anche un dipendente del negozio.

Controlli anti-Covid: stop temporaneo a piazze movida

Temporanea chiusura degli ingressi di alcune piazze della movida romana, 2.500 controlli nel fine settimana con la contestazione di circa 800 illeciti. Sanzionato anche uno stabilimento del litorale romano per violazione norme anti-covid. E’ il bilancio dei controlli sul rispetto delle norme anti Covid.

Particolare attenzione ai possibili assembramenti nelle zone interessate dal fenomeno della movida, con chiusure momentanee di alcune piazze per il grande numero di persone che rendeva impossibile l’osservanza delle regole previste per tutelare la salute pubblica: dall’isolamento temporaneo della scalinata di piazza Trilussa ad altre località come piazza Bologna, piazza Madonna dei Monti, largo degli Osci e la Scalea del Tamburrino dove si è reso necessario allontanare oltre un centinaio di persone.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Bengalese viaggiava su un bus con altri sette passeggeri

“E’ stato rintracciato a Priverno dai video degli autobus Cotral il cittadino del Bangladesh che viaggiava sul secondo pullman con solo altri sette passeggeri tutti già individuati. Pertanto la persona non ha viaggiato sul primo pullman Cotral completamente pieno di giovani verso Sabaudia. E’ stata molto utile la collaborazione degli Amministratori di Cotral, del Sindaco di Priverno e delle Forze dell’ordine che hanno consentito ai nostri operatori il tempestivo contact tracing”. Lo comunica l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio.

Fonte : Roma Today