I nastri d’argento si vedono su Sky Cinema

Ecco quali film, vincitori dei Nastri d’Argento 2020, potremo vedere su Sky Cinema

Sono stati annunciati i vincitori dei Nastri d’argento 2020, il più antico premio cinematografico italiano, assegnato dal 1946 dal Sindacato nazionale giornalisti cinematografici italiani, che quest’anno, causa Covid 19, non saranno consegnati nel consueto, meraviglioso, scenario del Teatro Antico di Taormina, ma più prosaicamente (e prudentemente) al Museo Maxxi di Roma.

Pinocchio e Favolacce in onda su Sky Cinema

Il Cinemaniaco incontra Matteo Garrone e Massimo Ceccherini

Un’edizione che sancisce, come da pronostici, il trionfo di due titoli molto diversi come Pinocchio di Matteo Garrone e Favolacce di Damiano e Fabio D’Innocenzo, uniti però dall’elevato coefficiente di qualità, unanimemente riconosciuta. Due titoli che costituiscono il piatto forte della programmazione di luglio di Sky Cinema, che del resto ha deciso, ormai da tempo, di valorizzare con tutte le sue energie il cinema italiano.

Favolacce

Fratelli D’Innocenzo: Sky produce la serie tv

Cominciamo da Favolacce, che debutta su Sky Cinema Due il 10 luglio. Già vincitore dell’Orso d’argento per la migliore sceneggiatura all’ultimo Festival di Berlino, il secondo lungometraggio dei fratelli D’Innocenzo è stato considerato dai giornalisti cinematografici italiani il MIGLOR FILM dell’anno. Al cupo dramma sociale dei D’Innocenzo, per cui qualcuno ha scomodato il paragone con il regista statunitense Todd Solondz, non sono sfuggiti altri riconoscimenti di peso, a partire naturalmente dalla MIGLIORE SCENEGGIATURA, scritta dai due registi di loro pugno. E ancora la MIGLIORE FOTOGRAFIA firmata da Paolo Carnera, il Nastro come MIGLIOR PRODUTTORE e infine il premio per i MIGLIORI COSTUMI disegnati da Massimo Cantini Parrini, che vince nella stessa categoria anche per Pinocchio.

Pinocchio

Il film di Matteo Garrone è l’altro trionfatore della giornata, superando il rivale per numero di premi, ben 6, tra cui spiccano i Nastri d’argento come MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA, andato al Geppetto di Roberto Benigni e quello alla MIGLIORE REGIA andato a Matteo Garrone, vincitore nella categoria per la seconda volta dopo quello ottenuto due anni fa per Dogman. Anche Pinocchio debutterà a breve sul nostro canale di cinema di qualità, precisamente lunedì 13 luglio.

Figli

Figli: Le foto del film con Paola Cortellesi e Valerio Mastandrea

Sono 3 i Nastri 2020 vinti da Figli, commedia esilarante sulla genitorialità scritta dal compianto Mattia Torre, sul quale stiamo preparando uno speciale. Il film diretto da Giuseppe Bonito e coprodotto oltre che distribuito da Vision Distribution, è stato giudicato la MIGLIORE COMMEDIA dell’anno, grazie anche alla simpatia e all’affiatamento dei suoi due protagonisti, Paola Cortellesi e Valerio Mastandrea, che si aggiudicano rispettivamente il premio come MIGLIOR ATTRICE e MIGLIOR ATTORE IN COMMEDIA.

La dea fortuna

Ferzan Özpetek, i migliori 5 film da vedere

Identico indice di gradimento per La dea fortuna, che si aggiudica un Nastro pesante come quello per la MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA andato alla sempre più brava Jasmine Trinca, che tiene qui testa magistralmente alla coppia Edoardo Leo-Stefano Accorsi rimasti stranamente a bocca asciutta. Raddoppia i successi sanremesi, invece, Diodato che è qui ritenuto meritevole del Nastro d’argento per la MIGLIOR CANZONE ORIGINALE, grazie al brano Che vita meravigliosa. Solo ex-aequo per il compositore della colonna sonora, Pasquale Catalano (che condivide la vittoria col cantautore calabrese Brunori Sas per Odio l’estate).

Hammamet

Il signor diavolo

Da tempo disponibile su Sky Cinema è il vincitore del Nastro per il MIGLIOR SOGGETO, vinto da Pupi, Antonio e Tommaso Avati, Il signor diavolo, ritorno alle atmosfere horror, da gotico-padano, del regista de La casa dalle finestre che ridono.

Ritratto della giovane in fiamme e 5 è il numero perfetto

Stesso Nastro, quello per la MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA, alla stessa, bravissima, interprete: Valeria Golino la quale però lo vince per due, diversissime, interpretazioni: quella della mamma della protagonista del francese Ritratto della giovane in fiamme e quello della amante del boss Peppino Lo Cicero del napoletanissimo 5 è il numero perfetto; interpretato da un irriconoscibile Toni Servillo, che si aggiudica quest’anno anche il NASTRO ALLA CARRIERA.

Viva i Nastri d’Argento, viva il cinema italiano e buona visione. Naturalmente su Sky Cinema

Fonte : Sky Tg24