Coronavirus, Crisanti a Sky TG24: “Contagi di rientro e focolai: testare tutti i contatti”

Il professore ordinario di microbiologia all’Università di Padova: “La strategia è molto semplice, occorre testare tutti i contatti delle persone contagiate, tutti i familiari, gli amici, i vicini e i colleghi di lavoro”. E aggiunge: “Bisogna accettare il fatto che in questa situazione i focolai scoppieranno e saranno anche più frequenti in ottobre e novembre”

“L’Italia non è in una bolla. Questa settimana ci sono stati in media circa duecentomila casi al giorno nel mondo. È chiaro che siamo esposti a un contagio di rientro o alla riattivazione di focolai di trasmissione che non è stata completamente eliminata. Questa dinamica era abbastanza prevista, sta accadendo in Israele, Cina e Australia. La cosa più importante è verificare se abbiamo la capacità di individuare questi focolai e di spegnarli rapidamente. Penso che al momento il sistema abbia abbondantemente dato dimostrazioni di saperlo fare”. A dirlo, ai microfoni di Sky Tg24 è Andrea Crisanti, ordinario di microbiologia all’Università di Padova. “La strategia è molto semplice – ha aggiunto -, bisogna testare tutti i contatti delle persone contagiate, tutti i familiari, gli amici, i vicini e i colleghi di lavoro. Se si fa questo si intercettano le persone a cui eventualmente è stata trasmessa l’infezione. Questa è la ricetta che funziona”  (CORONAVIRUS, LO SPECIALE – AGGIORNAMENTI LIVE).

 “Focolai più frequenti in ottobre e novembre”

Coronavirus, i focolai in Italia: dal Vicentino a Mondragone. FOTO

Secondo il professore, “non si possono mettere in coercizione sessanta milioni di italiani. Bisogna accettare il fatto che in questa situazione i focolai scoppieranno e saranno anche più frequenti in ottobre e novembre. La cosa più importante – ha sottolineato – è dare messaggi chiari agli italiani senza dire bugie. Bisogna dire che il rischio c’è, che non siamo in una bolla e che i comportamenti di distanziamento sociale e l’uso delle mascherine non devono essere abbandonati”.

“Tso necessario per chi mette in pericolo salute degli altri”

Fonte : Sky Tg24