E’ morto il gatto più anziano al mondo: Rubble aveva 31 anni

Addio a Rubble, un bel gattone inglese dal pelo rosso e bianco considerato il gatto più anziano al mondo per aver raggiunto la soglia straordinaria dei 31 anni di vita, ovvero l’equivalente di 150 anni per un umano. Michele Heritage, 52 anni, la sua proprietaria originaria di Exeter, in Inghilterra, ha ricordato l’amico a quattro zampe in un’intervista al South West News Service: “Era un compagno straordinario con cui ho avuto il piacere di vivere per così tanto tempo. Faceva parte di una cucciolata di gatti di un’amica di mia sorella”, ha raccontato la donna che aveva adottato Rubble quando aveva circa 20 anni. “L’ho sempre trattato come un bambino. Non ho figli e ho avuto un altro gatto di nome Meg, che è scomparso all’età di 25 anni”, ha aggiunto ancora Michele: “Se ti importa davvero di qualcosa, quella cosa – qualunque essa sia – dura”. 

Nessuna certificazione ufficiale accerta che Rubble fosse davvero il gatto più anziano del mondo: Michele, infatti, ha motivato la sua scelta di non iscriverlo al Guinness dei primati per un motivo legato al ‘carattere’ del micio: “Invecchiando Rubble era diventato scontroso, non avrebbe voluto troppa gente intorno e troppa attenzione. L’ho sempre lasciato vivere in pace”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

[embedded content]

Fonte : Today