Milano, rapina un supermercato: incastrato da un’impronta digitale su una lattina di birra

in foto: (Immagine d’archivio Getty images)

Un rapinatore di 41 anni è stato arrestato dalla polizia a Milano per un colpo messo a segno lo scorso lunedì in un supermercato in zona Ticinese. Probabilmente l’uomo, di nazionalità italiana e pregiudicato, non avrebbe mai pensato che a “tradirlo” sarebbe stata un’impronta digitale lasciata su una delle lattine di birra usate come “espediente” per la rapina. Proprio grazie all’impronta e alle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza del supermercato gli agenti hanno infatti potuto avere quelle conferme che cercavano sulla sua identità, attribuendogli il colpo.

L’uomo aveva finto di voler acquistare delle lattine di birra

L’uomo si era recato nel supermercato fingendo di voler acquistare delle birre. Era arrivato con le lattine a una delle casse e aveva anche finto di volerle pagare, estraendo delle monete. Quando però la cassiera aveva aperto il registratore di cassa per riporre i soldi l’uomo aveva tirato fuori un coltello e, usandolo per minacciare la donna, aveva sottratto circa 700 euro in banconote dalla cassa, fuggendo subito dopo. Nel supermercato erano intervenuti gli agenti delle volanti della questura e i loro colleghi della polizia scientifica, che avevano svolto gli accertamenti del caso. L’indomani l’uomo è stato riconosciuto dai poliziotti mentre era in piazza XXIV maggio, non distante dal luogo della rapina. Oltre alle immagini del circuito di videosorveglianza, a incastrarlo è stata appunto l’impronta che il rapinatore amante della birra ha lasciato su una delle lattine di cui si era impossessato durante la rapina.

Fonte : Fanpage