Gli Eterni, Kumail Nanjiani sulla diversità nel MCU: “Non rappresento un intero popolo”

La carriera di Kumail Nanjiani è in rampa di lancio e quello in Gli Eterni promette di essere il suo ruolo più importante finora. L’attore interpreterà una versione reinventata di Kingo e sarà il primo supereroe pakistano nel Marvel Cinematic Universe. In una recente intervista a The Hollywood Reporter ha spiegato cosa significa per lui.

“È molto significativo perché era qualcosa che volevo davvero fare davvero” ha dichiarato Kumail Nanjani, che ha voluto poi dire la sua anche sull’attenzione alla diversità in casa Marvel, argomento su cui si è recentemente espresso Gabriel Luna. “C’è una certa pressione, perché sono il primo [pakistano]. Ma è qualcosa di difficile da negoziare, perché io posso rappresentare solo me stesso. Quindi sento la pressione, ma l’unico modo per allentarla è che più persone abbiano questa opportunità. Io, una singola persona, non posso rappresentare un intero gruppo di persone perché le nostre esperienze e i nostri trascorsi sono completamente diversi.”

Detto questo, per Nanjani dopo aver ottenuto la parte è scattato un meccanismo secondo cui “Voglio apparire come uno che può interpretare il classico supereroe hollywoodiano. Uno che può essere Thor o Captain America”. Anche per questo sono arrivate le recenti foto dell’attore a torso nudo, divenute virali. Su queste ultime l’attore di Gli Eterni ha però qualcosa da ridire.

“Ho fatto quelle foto per una ragione, giusto? Ovviamente volevo quel tipo di reazione. Ma poi quando ottieni quella reazione è un po’ strano. Pensi: Le persone mi stanno davvero giudicando per l’aspetto fisico. E so che a molte persone va molto peggio che a me, ma ti fa sentire nudo e diventa una cosa superficiale.”

Per altri approfondimenti su Gli Eterni, rimandiamo alla suggestiva teoria dei viaggi interdimensionali nel nuovo film Marvel.

Fonte : Everyeye