La Terra è la protagonista delle prime scattate da LightSail 2

Nelle prime immagini inviate da LightSail 2, la vela spaziale spinta esclusivamente dalla luce del Sole, è possibile ammirare una porzione della Terra in tutto il suo splendore. Il peculiare veicolo è stato portato in orbita dal razzo Falcon Heavy dell’agenzia aerospaziale statunitense SpaceX lo scorso 25 giugno assieme a 24 satelliti di piccole dimensioni commissionati dal governo degli Stati Uniti. Oggi, 8 luglio 2019, dopo essere entrato stabilmente nell’orbita terrestre da alcuni giorni, LightSail 2 si prepara a spiegare la propria vela di 32 metri quadri e ad avviare la propria navigazione solare. Il progetto dell’organizzazione no-profit americana Planetary Society, finanziato dai cittadini tramite il crowdfunding, è finalizzato a dimostrare l’efficacia della propulsione spaziale basata sulla luce del Sole. Nei giorni successivi al lancio, la vela solare ha viaggiato racchiusa all’interno di una speciale ‘scatola’ chiamata Prox-1, realizzata dagli studenti del Georgia Tech, ed è stata liberata dal contenitore solo lo scorso 2 luglio.

Le condizioni della vela spaziale

Al momento LightSail 2 si trova 720 chilometri di distanza dalla Terra e funziona correttamente. Negli scorsi giorni ha contattato per la prima volta il centro di controllo della missione presso il Politecnico della California (Cal Poly) di San Luis Obispo, tramite l’invio di un messaggio in cui ha confermato la propria operatività. Dopo aver verificato il sistema di controllo d’assetto della vela solare, i ricercatori dell’Ateneo si stanno preparando alla sua apertura. Lo scorso 6 giugno, lo stesso team ha dispiegato con successo i pannelli solari, mentre il veicolo volava a sud del centro di controllo missione.

Le foto scattate da LightSail 2

Negli istanti successivi all’apertura dei pannelli solari, le fotocamere montate sul veicolo spaziale hanno immortalato parte della Terra e il Sole. Nelle immagini, non modificate in alcun modo dai ricercatori, si notano delle distorsioni causate dal riflesso della luce solare attorno all’ottica della fotocamera. In alcune foto, inoltre, è possibile osservare i fili che tenevano chiusi i pannelli solari prima del dispiegamento. Prima dell’apertura dei pannelli, LightSail 2 ha anche scattato alcuni selfie. In queste immagini, un po’ sfocate, è visibile la parte interna del veicolo spaziale. 

La Terra vista da LightSail 2 (The Planetary Society)

Fonte : Sky Tg24