Sorpreso a spacciare scappa e si getta in un dirupo pieno di rovi di spine

In fuga dai carabinieri si è gettato in un dirupo di rovi di spine. E’ accaduto a Mentana dove i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Monterotondo hanno arrestato un 22enne del posto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale.

Il giovane, già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato sorpreso dai militari nell’atto di cedere una dose di hashish ad un coetaneo ed ha ignorato l’intimazione a fermarsi rivoltagli dai militari, dandosi alla fuga: durante il rocambolesco inseguimento, andato avanti per oltre 500 metri e terminato in un’area a fitta vegetazione, il giovane ha pensato bene di gettarsi in un dirupo fitto di rovi di spine, dove si è disfatto di diverse dosi di hashish pronte per essere vendute.

Il 22enne è stato recuperato dai Carabinieri, poi è stato arrestato. Con sé il pusher aveva un bilancino di precisione e la somma di oltre 1.000 euro in banconote di vario taglio, verosimile provento dell’attività di spaccio.

Nella sua abitazione, invece, è stato rinvenuto un coltello ancora intriso di hashish, utilizzato per preparare le singole dosi. La vicenda che riguarda il 22enne ha avuto un ulteriore seguito: il PM di turno presso la Procura di Tivoli ne ha disposto l’accompagnamento agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo, ma il giovane, controllato nella mattinata seguente, non è stato trovato nella sua abitazione.

Intercettato a spasso sulla pubblica via dagli stessi Carabinieri della Sezione Operativa, è stato nuovamente arrestato, questa volta per evasione.  Il GIP del Tribunale di Tivoli ha convalidato entrambi gli arresti e applicato nei suoi confronti la misura dell’obbligo di presentazione alla P.G. per 3 volte alla settimana.

Durante i quotidiani servizi di controllo del territorio, inoltre, i Carabinieri hanno eseguito tre misure di carcerazione per condanne definitive. In particolare, su disposizione del Tribunale di Tivoli, i Carabinieri della Stazione di Mentana hanno arrestato un 39enne di Fonte Nuova che deve scontare la pena residua di 6 mesi per il reato di detenzione di sostanza stupefacente commesso a Guidonia nel gennaio 2019. 

In quella circostanza l’uomo venne arrestato dalla Sezione Operativa di Monterotondo con 10 ovuli di hashish per un peso complessivo di 101 grammi e 15 confezioni già pronte di cocaina, del peso totale di 6 grammi circa, occultate sotto la cuffia del freno a mano della sua autovettura. L’arresto si inquadrava nell’ambito della più ampia attività denominata Nemesi che portò, il 13 febbraio scorso, all’esecuzione di 24 misure cautelari in carcere a carico di altrettanti indagati tra cui anche l’odierno arrestato.

Deve invece scontare una pena di 2 anni e 6 mesi di reclusione, comminata dal Tribunale di Roma per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate in concorso e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti commessi a Roma durante la scorsa estate, un 31enne di Mentana, condotto presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare dai Carabinieri della locale Stazione.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Infine, i Carabinieri della Stazione di Mentana, su disposizione del Tribunale di Rieti, hanno arrestato un 34enne del posto che deve espiare la pena residua di 8 anni di reclusione per i reati di rapina, lesioni personali aggravate, ricettazione, danneggiamento aggravato in concorso, furto aggravato in concorso e violazione misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, per diverse condotte criminali tenute in Mentana, Monterotondo e Fiano Romano dal 2008 al 2014. L’uomo è stato posto agli arresti domiciliari.

Fonte : Roma Today