Contachilometri truccati: la truffa sulle auto usate in Campania

Una truffa vecchia ma che, a quanto pare, continua ad essere utilizzata, in alcuni casi purtroppo anche con discreto successo: si tratta della truffa dei contachilometri manomessi sulle auto usate. L’hanno scoperta i carabinieri della Sezione Radiomobile di Nola in una concessionaria di Palma Campania, nella provincia di Napoli: i militari dell’Arma, durante un controllo dell’attività commerciale, hanno scoperto che tre automobili, in vendita, avevano il contachilometri truccato, in modo da far risultare meno chilometri percorsi e, quindi, rivendere la vettura ad un prezzo maggiorato; erano 120mila in totale, distribuiti tra le tre autovetture, i chilometri scalati. Un uomo di 45 anni, già noto alle forze dell’ordine, proprietario della concessionaria di automobili, è stato denunciato dai carabinieri per truffa, mentre le tre vetture sono state poste sotto sequestro.

Secondo uno studio, commissionato nel 2018 dal Parlamento Europeo, la truffa dei contachilometri truccati produce un giro di affari di 9 miliardi di euro nel Vecchio Continente: consistente i numeri dell’Italia, dove il volume di affari illeciti è di 2 miliardi di euro; nel nostro Paese, infatti, vengono vendute la metà delle automobili usate di tutta Europa. La legge prevede la reclusione da 6 mesi a 3 anni ed una multa da 51 fino a 1.032 euro. Sempre nel 2018, si stima che in Italia siano stati 2,5 milioni i veicoli usati sui quali è stato manomesso il contachilometri; per cercare di arginare il fenomeno, nel 2019 l’Aci ha pensato di introdurre il “fascicolo digitale”, che permette di certificare il “ciclo di vita” di un determinato veicolo.

Fonte : Fanpage