Horizon Europe, lanciate 5 iniziative di ricerca ispirate ad Apollo 11

Ispirandosi alla storica missione Apollo 11, la Commissione Europea ha lanciato cinque iniziative di ricerca su clima, tumori, smart cities, suolo e oceani, nell’ambito del programma da 100 miliardi di euro Horizon Europe. L’obiettivo è trovare delle soluzioni concrete alle più grandi sfide che la Terra sta affrontando. Nel corso del Consiglio informale dei ministri della ricerca, svoltosi a Helsinki (in Filandia), Carlos Moedas, il Commissario europeo per la Ricerca, la scienza e l’innovazione, ha annunciato la nomina dei cinque esperti che guideranno le commissioni dedicate alle iniziative, il cui compito sarà proporre dei programmi completi, con obiettivi e scadenze, entro la fine del 2019. “Sono entusiasta di vedere la mobilitazione di persone di così alto profilo per aiutarci a risolvere le maggiori sfide della nostra generazione attraverso queste iniziative di ricerca e innovazione”, ha dichiarato Moedas durante l’incontro. Il Commissario ha aggiunto che i programmi “saranno in buone mani con l’impegno, la guida e la leadership di queste persone eccezionale”.

Gli esperti che guideranno le iniziative

Per coordinare i nuovi progetti sono stati scelti cinque esperti altamente qualificati: Connie Hedegaard, ex commissario europeo per l’Azione sul clima, guiderà l’iniziativa sul clima; il premio nobel per la medicina Harald zur Hausen (tumori); l’ex commissario europeo per il commercio Pascal Lamy (oceani); l’ex sindaco di Varsavia Hanna Gronkiewicz-Waltz (smart cities) e l’ex ministro olandese all’agricoltura Cees Veerman (suolo).

L’obiettivo del programma Horizon Europe

Le iniziative del programma Horizon Europe sono finalizzate a far capire ai cittadini in che modo l’Unione Europea, tramite la ricerca e l’innovazione, può fare la differenza nella società. Secondo Mariana Mazzucato, economista dell’University College London e consigliera speciale per la scienza e l’innovazione del Commissario Moedas, “l’approccio strategico adottato dalla Commissione Europea è incoraggiante, tuttavia dovemmo fare attenzione perché senza nuove capacità e strutture di finanziamento, le iniziative non potranno raggiungere il loro pieno potenziale”. 

Fonte : Sky Tg24