Coronavirus, i locali dell’ex Punto Verde Qualità di Villaggio Falcone per lo stoccaggio dei pacchi alimentari

Altre due postazioni di stoccaggio di pacchi alimentari per le famiglie indigenti vanno ad aggiungersi all’elenco di quelle già attivate nei giorni scorsi dalla Protezione civile e dalle associazioni di volontariato. Questa volta è il municipio a mettere a disposizione alcuni locali per la distribuzione: si tratta degli spazi della scuola di via Don Primo Mazzolari nell’ex Punto Verde Qualità e dei locali di via Berneri. “A emergenza finita queste strutture saranno destinate all’uso già stabilito” ha detto al nostro giornale Katia Ziantoni, assessore al patrimonio della giunta Romanella. 

A stabilire la momentanea destinazione delle due strutture, situate rispettivamente a Villaggio Falcone e a Torre Spaccata è stata la direttiva di giunta dello scorso 16 aprile con l’obiettivo di offrire supporto alle attività di logistica e distribuzione dei pacchi alimentari nel territorio del Municipio VI. I locali, affidati in via temporanea e limitatamente all’emergenza Covid-19, verranno utilizzati esclusivamente per lo stoccaggio dei generi alimentari in risposta al fabbisogno di un territorio particolarmente vasto e complesso dal punto di vista economico-sociale. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

“Su questi immobili, rimasti abbandonati per anni e tornati al patrimonio municipale con la nostra consiliaura, sono in corso i procedimenti amministrativi per l’affidamento dei lavori, già finanziati a bilancio con una progettazione già approvata” ha detto Ziantoni. Nello specifico, la delegata all’ambiente della giunta di viale Cambellotti ha detto: “I locali dell’ex PVQ Ponte di Nona (Villaggio Falcone ndr) sono destinati all’apertura di un punto 0-6 anni a gestione totalmente pubblica, l’immobile di via Berneri sarà impiegato come centro di aggregazione integrato, successivamente affidato mediante procedura ad evidenza pubblica.”
 

Fonte : Roma Today