Coronavirus, l’analisi del Financial Times: ”I morti potrebbero essere molti di più”

Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, sia in Italia che nel resto del mondo, ci si è interrogati sulla reale affidabilità del numero dei contagi e dei decessi comunicati quotidianamente dalle autorità. Ricordiamo infatti che questi dati, forniti in Italia dalla Protezione Civile, tengono conto soltanto dei pazienti positivi al nuovo coronavirus che arrivano in ospedale, non potendo quindi conteggiare chi muore in casa o al di fuori delle strutture sanitarie. 

Proprio per questo motivo, il numero dei decessi da Covid 19 potrebbe essere molto più alto di quanto registrato, superiore anche del 60% rispetto ai numeri ufficiali. E’ la tesi sostenuta in un’analisti effettuata sulle vittime in 14 Paesi, pubblicata sul Financial Times. 

L’autorevole quotidiano britannico prende in esame i numeri legati alla mortalità che in questi paesi, (Italia compresa) ammontano a 122mila, di gran lunga superiori rispetto alle 77mila vittime da Coronavirus registrate. Se si prendesse come base questo rapporto per tutto il mondo il numero delle persone decedute salirebbe da 201mila a 318mila.

coronavirus-decessi-financial-times-2

Un calcolo per difetto che – se riportato alla contabilità ufficiale a livello globale – porterebbe il bilancio delle vittime globale della pandemia di coronavirus dall’attuale totale ufficiale di 201 mila morti a un massimo di 318 mila decessi. Questa analisi mostra come in Lombardia, il ‘cuore’ del focolaio in Europa più devastante, i dati complessivi mostrerebbero un ‘eccesso’ di oltre 13.000 morti per i quasi 1.700 comuni per i quali sono disponibili i dati, pari a un aumento del 155% rispetto alla media storica con un dato di gran lunga superiore ai 4.348 decessi Covid nella regione.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

In dettaglio la città di Bergamo ha registrato il peggior aumento a livello internazionale di decessi, con un aumento del 464% delle morti rispetto alla media, seguita da New York City con un aumento del 200% e Madrid, Spagna, con un aumento del 161%.

Fonte: Financial Times →
Fonte : Today