La pelle che abito: quando Almodóvar disse ad Antonio Banderas di abbandonare i suoi “tic”

Prima dell’acclamato Dolor y Gloria , Antonio Banderas aveva dimostrato il suo enorme talento in molte altre pellicole di Pedro Almodóvar: dal suo debutto in in Labirinto di Passioni a La pelle che abito, film che questa sera andrà in onda su Iris.

Basato sul romanzo Tarantola di Thierry Jonquet, il film segue le vicende di Robert Ledgard, eminente chirurgo plastico che dopo la morte della moglie si è concentrato su delle ricerche per ottenere una nuova pelle, quella che avrebbe potuto salvarla. Dopo dodici anni è riuscito a riprodurre nel suo laboratorio una pelle sensibile alle carezze ma resistente alle aggressioni, sia esterne sia interne, di cui è vittima il nostro organo più esteso. Per ottenerle questo risultato, però, il chirurgo ha bisogno di una cavia umana.

Se guardando il film noterete una recitazione più posata del solito da parte di Banderas, il motivo è presto detto: dopo qualche giorno di riprese, Almodóvar ha detto a Banderas di mettere da parte tutti i suoi tic da attore perché aveva bisogno di un personaggio molto contenuto nel modo di fare, mentre l’attore gli stava dando un tono da psicopatico.

La Pelle che abito sarà tramesso in prima serata alle ore 21.00 su Rai Movie. Per altri approfondimenti, vi lasciamo alla nostra recensione de La pelle che abito.

Fonte : Everyeye