Coronavirus: ristoranti, bar, parrucchieri ed estetisti chiusi fino a giugno

“Il primo giugno vorremmo riaprire i bar, le ristorazioni, centri estetici e parrucchieri”. A spiegarlo è stato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, dove ha presentato i dettagli della fase 2. Dal 18 maggio invece riapriranno il commercio al dettaglio e i musei.

C’è ancora da attendere quindi, come ampiamente previsto, per andare al bar o al ristorante. In attesa della loro riapertura viene confermata, a partire dal 4 maggio, la possibilità di fare ristorazione con le modalità di vendita da asporto oltre che a domicilio. Il consumo non deve avvenire all’interno del locale, né al suo esterno devono formarsi assembramenti in cui non si rispetta la distanza fra le persone. “Si dovrà entrare uno alla volta – ha spiegato Conte -, rispettando la fila, le distanze, con i dispositivi di protezione”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

In pratica sarà consentito l’asporto ma non ci dovranno essere assembramenti, si dovrà mantenere la distanza di sicurezza personale, si potrà entrare solo 1 alla volta nei locali. Si dovrà consumare il cibo in ufficio o a casa, ma non davanti ai ristoranti, bar, pizzerie e pub. Insomma, chi sperava in uno scatto in avanti anche per l’apertura di locali come ristoranti, pizzerie e bar, ma anche di centri estetici e parrucchieri è rimasto deluso. Ancora 35 giorni di attesa.

Coronavirus, Conte annuncia la fase 2: cosa cambia dal 4 maggio 

Fonte : Today