Pronti e vendere mezzo chilo di hashish, la trattativa interrotta dai carabinieri

Si erano incontrati in via Soncino, zona Mazzalupetta-Selva Candida, dove avevano intavolato una trattativa sulla cessione di 5 panetti di hashish del peso complessivo di oltre 500 gr, pensando di essere lontani da occhi indiscreti ma i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro hanno bruscamente interrotto il negoziato.

A finire in manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti sono stati due romani di 42 e 48 anni, entrambi con precedenti specifici, sorpresi proprio mentre stava avvenendo lo scambio droga-soldi.

Le successive perquisizioni, scattate anche nelle rispettive abitazioni dei fermati, hanno consentito di sequestrare anche 8 gr. di marijuana e 1.500 euro in contanti, trovati in possesso del 43enne, e di 8 gr. di hashish e 1.055 euro nella disponibilità del 48enne.

I due sono stati posti agli arresti domiciliari.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Nei confronti dei due arrestati, inoltre, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro hanno fatto scattare le sanzioni previste per la violazione delle disposizioni urgenti in materia di contenimento della diffusione del Covid-19, essendosi allontanati dai rispettivi domicili in assenza di una delle cause giustificative. 
 

Fonte : Roma Today