San Lorenzo, il Comune cancella la scritta ‘Ciao Antò’ sulle Mura Aureliane: era lì da anni

In una Roma ancora in quarantena il Comune di Roma ha rimosso la scritta ‘Ciao Antò’ che da anni campeggiava sulle mura aureliane che costeggiano via di Porta Labicana. L’immagine degli operai comunali è stata scattata da un residente il cui appartamento affaccia sulla via. L’immagine è subito rimbalzata sui social: la scritta, infatti, ricordava Antonio Salerno Piccinino, un attivista del centro sociale Acrobax, morto il 17 gennaio del 2006 in incidente stradale mentre stava lavorando.

Antonio infatti era un pony express e ogni giorno percorreva molti chilometri in lungo e in largo per la città. E’ morto sulla Cristoforo Colombo, durante una consegna extra. “Di lavoro si muore perché di precarietà si vive” hanno scritto più volte i suoi compagni di Acrobax. ‘Ciao Antò’ la scritta che ormai da anni non cancellava la sua memoria.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Ieri, commentando la fotografia, sulla pagina Facebook del centro sociale è stato scritto: “Stanno cancellando la scritta per Antonio. Vergogna. La memoria non si cancella. Ciao Anto torneremo a scriverlo più grande”. Molte altre realtà hanno criticato la decisione. 

Fonte : Roma Today