Coronavirus in Italia, i dati del 24 aprile spiegati: cinque regioni verso i contagi zero

L’epidemia galoppa nel Nord Ovest, ma ci sono cinque regioni che sono ormai avviate alla fatidica soglia dei contagi zero. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 24 aprile rileva 192.994 casi di Coronavirus in Italia (+3.021 rispetto a ieri), di cui 60.498 guariti (+2922) e 25.969 decessi (+420). Dei contagiati totali, 82.286 sono in isolamento domiciliare asintomatici o con pochi sintomi, 22.068 sono ospedalizzati e 2.173 sono ricoverati in terapia intensiva, seguendo il trend decrescente dei giorni scorsi. Il numero dei tamponi effettuati è di 1.642.356, con un aumento di +62447 nelle ultime 24 ore.

“L’epidemia è solo nelle tre regioni del Nord Ovest o quasi, ormai”. Giovanni Forti, 26 anni è studente di Economics all’Università di Pisa e alla Scuola Superiore Sant’Anna. Dal 2018 fa parte della redazione di YouTrend, dove di occupa della parte editoriale, dell’analisi dei dati e della produzione di data visualization e su YouTrend ha scritto diversi articoli sulla pandemia del Covid-19: “I dati sono molto chiari su questo: i casi totali di Lombardia, Piemonte e Liguria assieme arrivano a quasi 2000 casi, su 3000 casi totali. Se aggiungiamo i 348 casi veneti e i 247 casi emiliano-romagnoli hai praticamente la totalità dei contagi in Italia”.

L’epidemia è lì, insomma?

Si, anche a livello percentuale: solo in Piemonte e Veneto i casi aumentano di una percentuale superiore al 2%. Nel caso del Piemonte addirittura arrivano a lambire il 3%.

Anche sui decessi, le tendenze sono simili?

Sì: anche oggi Lombardia e Piemonte fanno 235 su 420 decessi totali. Se contiamo anche Liguria, Veneto ed Emilia – Romagna arriviamo a 336 decessi. Sono l’80% sul totale.

Come vanno le guarigioni, invece?

Oggi la Lombardia ha avuto un numero molto basso di guarigioni: solo 430, rispetto alle 700-1000 guarigioni che avevamo visto negli scorsi giorni. Il numero dei guariti è comunque alto, ma arriva in particolare da Emilia-Romagna, Veneto e ben 420 nella provincia di Bolzano e 111 in Val d’Aosta. Numeri talmente alti che Fano pensare possano essere sbagliati. Staremo a vedere se arriveranno delle correzioni nelle prossime ore.

Quali saranno le prime regioni ad arrivare a zero contagi?

Non abbiamo la sfera di cristallo. Ma è pensabile che Umbria, Basilicata e Molise avranno meno di 5 casi scoperti per tutta la prossima settimana. E magari altre regioni si avvicineranno a questo caso. Anche Val d’Aosta e Sardegna potremmo avvicinarle a questa soglia in cui si riscontrano meno di 30 casi in una settimana.

Altre?

Probabilmente poi seguiranno Calabria e Trentino Alto Adige. Ma tra le cinque piccole regioni e tutte le altre c’è un distacco di qualche giorno. Per arrivare a quei numeri nelle grandi regioni ci vorrà un po’ più di tempo.

Tra le grandi regioni, qual è la prima regione che arriverà a zero?

Le Marche stanno avvicinandosi a zero più velocemente di altre. Anche Lazio, Campania e Toscana che hanno aumento giornaliero nell’ordine dell’1%.

La media mobile di oggi cosa ci racconta, invece?

Negli ultimi sette giorni si sono ammalate in media 2940 persone al giorno, circa 610 in meno al giorno. Quindi, la prossima settimana è probabile avremo circa 2000 casi al giorno, ma in qualche giorno potremmo anche arrivare a scendere sotto ai 2000 casi giornalieri. È come se tornassimo al 9 marzo, il primo giorno di lockdown in Lombardia.

Ultima domanda della settimana: uno sguardo all’estero. Come sta andando negli altri Paesi europei?

I dati sono abbastanza simili a quelli con cui c’eravamo lascati venerdì scorso, salvo un nuovo peggioramento della Spagna, che stamattina ha rilasciato dati con più di 7000 nuovi casi. Spagna che ormai ha stabilmente superato l’Italia come numero di contagi. I dati più preoccupanti arrivano comunque dagli Usa e dallo Stato di New York, dove su 20 milioni di abitanti abbiamo superato i 250mila casi. 15 abitanti ogni 1000 si sono ammalati: le uniche realtà che hanno questo livello di contagio sono la comunità autonoma di Madrid e la provincia di Cremona.

Fonte : Fanpage