Zucchero come Andrea Bocelli: l’emozione di suonare davanti al Colosseo in una Roma vuota

in foto: Zucchero (foto Carlo Landucci)

Solo, in una Roma vuota con il Colosseo alle spalle e il pianoforte come unica compagnia. Zucchero ha voluto dare così il suo contributo al 50° Anniversario della Giornata Mondiale della Terra (Earth Day), suonando per la prima volta l’inedito “Canta la vita”, tratto da “Let Your Love Be Know” di Bono Vox con il testo in italiano a firma sua. Zucchero ha bissato un po’ quello che Andrea Bocelli aveva fatto nel giorno di Pasqua, quando si era esibito in un Duomo completamente vuoto, dando il via a una performance da record e vista da milioni di persone in tutto il mondo. Non c’è diretta per Zucchero, ma sicuramente ci sono delle immagini che impressionano, con il Colosseo che si staglia alle spalle di Zucchero che canta.

Dal Colosseo ai balconi d’Italia

Nel video, andato in onda durante la maratona #OnePeopleOnePlanet trasmessa sul canale streaming Rai Play, si vede il vuoto attorno al Monumento capitolino, ma le immagini del cantante al piano sono alternate anche con quelle diventate ormai simboliche in tutto il mondo. Ci sono, infatti, spezzoni di riprese delle tante persone che subito dopo l’entrata in vigore del lockdown dovuto alla pandemia di Covid-19 si sono date appuntamento sui balconi per cantare e suonare tutti insieme. Immagino che, appunto, hanno fatto il giro del mondo, entrando nell’immaginario comune di questa epidemia che sta facendo migliaia di vittime in tutto il Pianeta.

Il significato di Canta la vita

Il brano cantato da Zucchero è l’ennesima prova di un’amicizia, quella tra il cantante italiano e il leader degli U2, che ormai va avanti da anni: “In un periodo così complesso come quello che stiamo attraversando, questa canzone è un messaggio positivo di speranza e conforto per tutti. Un inno alla Vita. Un’esibizione unica in cui, nell’inciso finale, le voci di entrambi gli artisti si fondono e uniscono, per lanciare un messaggio mondiale di grande unione” si legge nella nota stampa che accompagna l’esibizione.

Come nasce Canta la vita

“Questa canzone è nata nella fase iniziale dell’emergenza – ha raccontato Zucchero -. Quando ho sentito Bono, eravamo entrambi molto scossi dalla drammaticità del momento che il Nord Italia stava vivendo. Però quello che ci ha colpito è stata la reazione delle persone, vederle e sentirle sui balconi cantare. Quindi ci siamo detti che avremmo dovuto fare qualcosa per sottolineare che il canto è una grande forma di resistenza. In un dramma come quello che stiamo vivendo, attraverso il canto si può essere più vicini, si può reagire insieme, in tutte le parti del mondo. La musica, attraversa i muri ed accorcia le distanze”.

Fonte : Fanpage