Infermiera torna a casa e trova un biglietto nella posta: “Ci porti il Covid”

“Ci porti il Covid”: è il messaggio che un’infermiera del reparto di malattie infettive dell’ospedale San Luca di Lucca, Damiana Barsotti, 48 anni, ha trovato nella cassetta delle lettere della propria abitazione. Secondo la donna, che ha denunciato il fatto, il biglietto sarebbe stato recapitato dai vicini di casa.

“Grazie per il Covid che tutti i giorni ci porti in corte. Ricordati che ci sono anziani e bambini. Grazie”, c’era scritto nel biglietto trovato nella cassetta della posta.

La direzione della Asl Toscana Nord Ovest e il Dipartimento Infermieristico e Ostetrico hanno espresso solidarietà all’operatrice sanitaria e vicinanza alla donna che “si è vista trattata come un’untrice e non come un’operatrice sanitaria che giornalmente si reca al lavoro per combattere, per tutti noi, la difficile battaglia contro il virus”.

“Tali comportamenti – si legge nella nota della Asl – non solo sono discriminatori ma dimostrano come il cammino verso la civiltà sia ancora lungo, nonostante il momento difficile che l’intero pianeta sta vivendo. Piena solidarietà, quindi, verso tutti gli operatori sanitari e verso tutti coloro che, a diverso titolo, si occupano di far funzionare al meglio la complessa macchina sanitaria, sacrificando affetti e, spesso, la propria salute”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

[embedded content]

Fonte: il Tirreno →
Fonte : Today