Reddito di emergenza, come funziona e chi potrebbe ottenerlo

Il reddito di emergenza (Rem) è lo strumento che il governo metterà a disposizione per le persone a rischio povertà, lavoratori in nero compresi. La misura non è ancora definita, ma secondo quanto anticipato dal ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, la platea dei beneficiari dovrebbe essere di circa tre milioni di persone. Il costo? Intorno ai 3 miliardi di euro. Il Rem garantirà un sostegno economico (si parla di 400-500 euro, ma la cifra esatta è ancora da definire) a coloro che sono rimasti fuori da ogni forma di protezione, colf e badanti, lavoratori precari ma anche irregolari.

“Il lavoro in nero non dovrebbe esistere” ha detto la ministra in un’intervista a Class Cnbc, ma “purtroppo il lavoro sommerso è una piaga che c’è. È chiaro che a tutte quelle persone che per vari motivi si trovano in una situazione di emergenza dobbiamo pensare. Dunque per tutte le persone senza reddito è previsto un reddito di emergenza”. L’idea del governo è dunque quella di tutelare tutti. Per questo insieme al Rem nel ‘decreto Aprile’ dovrebbero trovare spazio anche altre interventi per le categorie a rischio:

  • Gli ammortizzatori sociali dovrebbero essere rinnovati fino a maggio;
  • il bonus per gli autonomi dovrebbe passare da 600 a 800 euro.

M5s: “Il reddito di emergenza sarà un aiuto concreto per chi è in povertà”

“È ormai evidente a tutti che l’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, oltre a portare dolore a tante famiglie che stanno perdendo i loro cari, avrà un impatto notevole sulla nostra tenuta economica”, spiegano in una nota i deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Lavoro alla Camera. I deputati M5s citano l’ultimo rapporto Oxfam, secondo cui esiste il rischio concreto che “mezzo miliardo di persone, tra il 6 e l’8% della popolazione mondiale” potrebbero “finire in povertà estrema. “Dopo gli importanti sforzi che abbiamo fatto per garantire a 2 milioni e mezzo di persone sotto la soglia di povertà il Reddito di cittadinanza – spiegano ancora i 5 Stelle –, faremo ora di tutto per dare un aiuto concreto a chi non può accedere a nessuna forma di ammortizzatore sociale o sostegno al reddito grazie proprio al Reddito di Emergenza”.  

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

E Grillo vuole il reddito universale

Proprio nelle stesse ore Beppe Grillo torna a parlare di ‘reddito universale incondizionato’ ospitando sul suo blog un’intervista rilasciata da Philippe Van Parijs, ideologo del basic income, al The Brussels Times. Secondo il fondatore del M5s, “l’emergenza che stiamo vivendo potrebbe favorire una svolta epocale, rivoluzionaria, che da molti superficialmente è stata sempre considerata folle, e che potrebbe cambiare in meglio il nostro futuro”. 

Fonte : Today