Coronavirus, stretta sui controlli per le feste: posti di blocco rafforzati per Pasqua e Pasquetta 

Controlli intensificati sulle strade in vista del weekend di Pasqua e Pasquetta. I cittadini sono ancora chiamati a rispettare le misure restrittive per l’emergenza coronavirus e la Polizia locale sarà impegnata a verificare che tutti, fatte salve le motivazioni previste dalla legga, restino a casa. 

“In questo weekend avremo un impegno molto forte, cercheremo di monitorare ancor di più la città, i controlli saranno maggiori” ha spiegato Antonio Di Maggio, comandante generale della Polizia di Roma Capitale,  intervenuto sulle frequenze di Teleradiostereo. 

Il trend dei contagi è in netto calo, come dimostrano i dati delle ultime ore. Ma è proprio questo il momento di non abbassare la guardia. Non vanificare gli sforzi fatti fin’ora è l’obiettivo, evitando che i romani cedano a gite fuori porta o si spostino in massa nelle seconde case al mare. Una stretta necessaria insomma, che interesserà Roma città ma anche il litorale. 

Come già spiegato anche dal sindaco di Fiumicino Esterino Montino. “Insieme alle forze dell’ordine si è concordato si aumentare i controlli e mantenere alta l’attenzione, soprattutto in vista della Pasqua, sugli spostamenti non autorizzati delle persone e, se necessario, di recarsi abitazione per abitazione a verificare se qualcuno si è recato immotivatamente nelle seconde case al mare. Stiamo anche valutando l’assunzione di vigili stagionali a supporto di queste operazioni”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Nella sola giornata di ieri intanto si contano 90 infrazioni riscontrate dalle pattuglie, che hanno eseguito circa 19mila accertamenti sugli spostamenti di veicoli e persone a piedi. Oltre 1800,  invece, i controlli che hanno interessato le attività commerciali, i parchi e le ville storiche.

Fonte : Roma Today